Bici, il bonus fino a 500 euro verrà erogato al cittadino tramite sito dedicato

Un bonus fino a 500 euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, o di monopattini, hoverboard e monowheel, è il beneficio previsto dal decreto Rilancio (scarica qui la bozza) presentato dal governo Conte. E stavolta, almeno fino all’emanazione del decreto attuativo, il “rimborso sarà secco“, come ha spiegato la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli: il cittadino dopo aver acquistato il mezzo potrà registrare la fattura o lo scontrino fiscale su un portale dedicato gestito dal ministero dell’Ambiente e riceverà l’importo del bonus direttamente sul proprio conto corrente.

Chi sono i beneficiari

Il “buono mobilità”, ai sensi dell’articolo 205, è riservato “ai residenti maggiorenni nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti” ed è “pari al 60 per cento della spesa sostenuta e comunque non superiore a euro 500, a partire dal 4 maggio 2020 (data di entrata in vigore del d.P.C.M. 26 aprile 2020) e fino al 31 dicembre 2020, per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica, quali segway, hoverboard, monopattini e monowheel”.

Fino ad esaurimento fondi: 120 milioni entro il 31 dicembre

Il beneficio è disponibile entro la fine anno fino ad esaurimento fondi che, per l’occasione, sono stati aumentati da 50 a 120 milioni. Il bonus bici è riservato al singolo acquirente e quindi all’interno di uno stesso nucleo familiare può essere ad esempio richiesto da tutti i componenti sempre nella misura del 60% su ogni singolo acquisto con tetto di 500 euro.

Quando cambieranno le regole del bonus

Le regole per il rimborso del bonus dovrebbero cambiare una volta che verrà varato – presumibilmente entro un mese – un decreto attuativo ad hoc: una volta che l’applicazione sarà operativa (entro 60 giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta ufficiale) il buono mobilità potrà essere fruito attraverso un buono spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web. In pratica gli interessati dovranno indicare sulla piattaforma il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa elettronico da consegnare ai fornitori autorizzati, insieme al saldo a proprio carico, per ritirare il bene o godere del servizio individuato.

Bonus rottamazione per auto Euro 3 e motocicli Euro 2 e 3

Attenzione, il decreto prevede un altro bonus, di 1.500 euro, per chi rottama un’auto Euro 3 entro il 31 dicembre e di 500 euro per ogni motociclo (no ciclomotore) rottamato (fino alla classe Euro 2 ed Euro 3 a due tempi) sempre entro la fine dell’anno, da utilizzare in tre anni, per l’acquisto, anche a favore di persone conviventi, di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale, biciclette anche a pedalata assistita, hoverboard e simili.  Il bonus bici e il bonus rottamazione possono essere cumulati.