E se il virus non fosse nato nel laboratorio di Wuhan, ma venuto da lì?

Due anni prima che la nuova pandemia di coronavirus rovesciasse il mondo, i funzionari dell’ambasciata americana hanno visitato diverse volte una struttura di ricerca cinese nella città di Wuhan e hanno inviato a Washington due avvertimenti ufficiali sull’inadeguata sicurezza di un laboratorio che stava conducendo studi rischiosi sui coronavirus dai pipistrelli.

È la ricostruzione fatta da Josh Rogin per un giornale serio ed affidabile come il Washington Post e sulla base di documentazione visionata dal giornale. (Qui l’originale in inglese)

La conclusione la traccia per il Washington Post Xiao Qiang, ricercatore della School of Information dell’Università della California a Berkeley: “Come molti hanno sottolineato, non ci sono prove che il virus che ora affligge il mondo sia stato progettato; gli scienziati concordano ampiamente sul fatto che provenga da animali. Ma ciò non equivale a dire che non è venuto dal laboratorio che ha passato anni a testare i coronavirus di pipistrello negli animali”.

L’inchiesta del Washington Post

Nel gennaio 2018, l’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha fatto il passo insolito di inviare ripetutamente diplomatici scientifici statunitensi al Wuhan Institute of Virology (WIV), che nel 2015 era diventato il primo laboratorio cinese a raggiungere il più alto livello di sicurezza internazionale nella ricerca di bioresearch (noto come BSL -4). WIV ha rilasciato un comunicato stampa in inglese sull’ultima di queste visite, avvenuta il 27 marzo 2018. La delegazione americana era guidata da Jamison Fouss, console generale a Wuhan, e Rick Switzer, consigliere dell’ambasciata per l’ambiente, la scienza, la tecnologia e salute. La scorsa settimana, stranamente, l’Istituto ha cancellato tale dichiarazione dal suo sito Web, sebbene rimanga archiviata su Internet, notano al Post.

Continua il giornalista statunitense Josh Rogin: “Ciò che i funzionari statunitensi hanno appreso durante le loro visite li ha preoccupati così tanto che hanno spedito due dispacci diplomatici classificati come sensibili ma non classificati a Washington che hanno messo in guardia sui punti deboli di sicurezza e gestione presso il laboratorio WIV e hanno proposto maggiore attenzione e aiuto. Il primo, che ho ottenuto (spiega il giornalista del Washington Post), avverte anche che i lavori del laboratorio sui coronavirus di pipistrello e la loro potenziale trasmissione umana hanno rappresentato il rischio di una nuova pandemia simile alla SARS”.

I dispacci sostenevano, tra l’altro, che gli Stati Uniti avrebbero dovuto fornire ulteriore supporto al laboratorio di Wuhan, principalmente perché la sua ricerca sui coronavirus dei pipistrelli era importante ma anche pericolosa.

I visitatori degli Stati Uniti hanno incontrato Shi Zhengli, il capo del progetto di ricerca, che ha pubblicato per molti anni studi relativi ai coronavirus dei pipistrelli. Nel novembre 2017, poco prima della visita dei funzionari statunitensi, il team di Shi aveva pubblicato ricerche che dimostrano che i pipistrelli a ferro di cavallo che avevano raccolto da una grotta nella provincia dello Yunnan erano molto probabilmente dalla stessa popolazione di pipistrelli che ha generato il coronavirus SARS nel 2003.

“Il rapporto è stato un avvertimento”, ha detto un funzionario degli Stati Uniti al giornale Usa. “Stavano implorando la gente di prestare attenzione a ciò che stava accadendo.”

Il governo degli Stati Uniti però non ha fornito assistenza extra ai laboratori.

All’interno dell’amministrazione Trump, molti funzionari della sicurezza nazionale sospettavano da tempo spiega Rogin che “il WIV o il laboratorio del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Wuhan fossero la fonte del nuovo focolaio di coronavirus. Secondo il New York Times, la comunità dell’intelligence non ha fornito prove per confermarlo. Ma un alto funzionario dell’amministrazione mi ha detto che questi avvertimenti della Commissione forniscono un’ulteriore prova a supporto della possibilità che la pandemia sia il risultato di un incidente di laboratorio a Wuhan”.

“L’idea che si trattasse solo di un evento totalmente naturale è circostanziale. Le prove che sono trapelate dal laboratorio sono circostanziali. In questo momento, il libro mastro pende dalla parte del laboratorio  e non c’è quasi nulla dall’altra parte “, ha detto il funzionario.

Scrive Rogin: “Come ha notato il mio collega David Ignatius, la storia originale del governo cinese – che il virus è emerso da un mercato del pesce a Wuhanè traballante. Una ricerca di esperti cinesi pubblicata su Lancet a gennaio ha mostrato che il primo paziente noto, identificato il 1 ° dicembre, non aveva alcun legame con il mercato, né lo aveva avuto  di un terzo dei casi nel primo grande gruppo. Inoltre, il mercato non ha venduto pipistrelli“.

Il governo cinese, nel frattempo, ha bloccato completamente le informazioni relative alle origini del virus. Pechino non ha ancora fornito agli esperti statunitensi campioni del nuovo coronavirus raccolti sin dai primi casi. Il laboratorio di Shanghai che ha pubblicato il nuovo genoma del coronavirus l’11 gennaio è stato rapidamente chiuso dalle autorità per “rettifica”. Diversi medici e giornalisti che hanno riferito in anticipo sulla diffusione sono scomparsi.

Conclude il Washington Post: “Non sappiamo se il nuovo coronavirus sia nato nel laboratorio di Wuhan, ma i documenti indicavano il pericolo lì e aumenta la necessità di scoprirlo”.

E il professor Xiao: “Non credo sia una teoria della cospirazione. Penso che sia una domanda legittima che deve essere investigata e risposta. Capire esattamente come questo ha avuto origine è una conoscenza fondamentale per impedire che ciò accada in futuro.”