Il piano dell’Ue per costruire una rete di riconoscimento facciale a disposizione della polizia

Secondo i documenti trapelati all’interno dell’Unione Europea, e raccontati da The Intercept,  l’Unione europea potrebbe presto creare una rete di database di riconoscimento facciale delle polizie nazionali. Una prospettiva che da una parte promette maggiore solerzia nel trovare i responsabili di crimini, ma dall’altra stende l’ombra di una società da grande fratello che lascerà in molti perplessi.

Il documento riservato

Nello specifico, Intercept ha ottenuto da un funzionario europeo preoccupato, un rapporto redatto dalle forze di polizia nazionali di 10 stati membri dell’UE, guidati dall’Austria, che chiede che la legislazione Ue introduca la possibilità di interconnettere tali database in ogni stato membro. Il rapporto è stato distribuito tra i funzionari dell’UE e nazionali nel novembre 2019. Se i precedenti accordi di condivisione dei dati sono una guida, la nuova rete di riconoscimento facciale sarà probabilmente collegata a banche dati simili negli Stati Uniti, creando ciò che i ricercatori sulla privacy chiamano un “massiccio consolidamento transatlantico di dati biometrici”.

Lo scambio di dati con gli Usa

Il rapporto è stato prodotto nell’ambito delle discussioni sull’ampliamento del sistema Prüm, un’iniziativa a livello Ue che collega database di Dna, impronte digitali e immatricolazione dei veicoli per la ricerca reciproca. “Un sistema simile esiste tra gli Stati Uniti e tutti i paesi che fanno parte del programma di esenzione dal visto, che comprende la maggior parte dei paesi dell’Ue; gli accordi bilaterali consentono agli Stati Uniti e alle agenzie europee di accedere reciprocamente ai database delle impronte digitali e del Dna” scrive Intercept.

La Commissione ha commissionato lo studio a una società di consulenza

Sebbene la nuova legislazione che segue la raccomandazione del rapporto non sia ancora sul tavolo, sono in corso lavori preparatori. Le informazioni fornite dalla Commissione europea al Parlamento europeo lo scorso novembre mostrano che quasi 700mila euro sono stati destinati a uno studio della società di consulenza Deloitte su possibili modifiche al sistema Prüm, con una parte del lavoro che esamina la tecnologia di riconoscimento facciale. La Commissione europea ha anche, separatamente, pagato 500mila euro a un consorzio di agenzie pubbliche guidato dall’Istituto estone di scienza forense per “mappare la situazione attuale del riconoscimento facciale nelle indagini penali in tutti gli Stati membri dell’UE”, con l’obiettivo di spostarsi “verso l’eventuale scambio di dati facciali”, come scrive una presentazione del progetto inviata ai rappresentanti nazionali a Bruxelles.

Le preoccupazioni per la privacy

Edin Omanovic, direttore della difesa di Privacy International, ha commentato con Intercept: “Ciò preoccupa a livello nazionale e a livello europeo, soprattutto perché alcuni paesi dell’Ue si orientano verso governi più autoritari”. Il rischio è quello della “sorveglianza motivata politicamente”. “Senza la trasparenza e le garanzie legali per la tecnologia del riconoscimento facciale essere leciti”, ha dichiarato Omanovic, “dovrebbe esserci una moratoria su di essa”. Intanto, la nuova legislazione Ue approvata lo scorso aprile ha istituito un database che conterrà le impronte digitali, le immagini dei volti e altri dati personali di un massimo di 300 milioni di cittadini di paesi terzi, unendo i dati di cinque sistemi separati. Secondo il rapporto di 10 forze di polizia, i consulenti di Deloitte hanno proposto di fare lo stesso con le immagini dei volti della polizia, ma l’idea ha incontrato un’unanime opposizione da parte delle forze dell’ordine.

L’FBI e l’Europol non hanno risposto a Intercept alle domande sugli accordi di condivisione dei dati tra l’UE e gli Stati Uniti. Un portavoce della Commissione europea ha riconosciuto la prospettiva di aggiungere dati di riconoscimento facciale alla rete Prüm, ma ha rifiutato di approfondire.