Glifosato, Pan Germany: il laboratorio tedesco ha manipolato i dati sulla tossicità

Non bastavano i Monsanto papers a insinuare dubbi sull’indipendenza del processo che ha portato alla ri-autorizzazione del glifosato in Europa. Un nuovo studio condotto da Pan Germany riaccende i riflettori sull’argomento e in generale sull’intera procedura di valutazione della sicurezza dei pesticidi nell’Ue. Nel mirino è finito il Laboratory of Pharmacology and Toxicology di Amburgo:  secondo gli esperti di Pan Germany il laboratorio ha commesso una frode in una serie di test regolatori, molti dei quali erano stati condotti nell’ambito del processo di ri-approvazione del glifosato nel 2017. Circa il 14% degli studi sul glifosato utilizzati per la sua ri-approvazione provengono da questo laboratorio.

Nonostante si tratti di un laboratorio accreditato, la struttura è stata sorpresa a manipolare gli studi sulla tossicità sostituendo gli animali morti con quelli viventi, modificando i dati del tumore in “infiammazioni” e in generale distorcendo i dati per soddisfare i propri clienti.

Pe questo motivo PAN Europe chiede alla Commissione europea di scartare gli studi condotti dal laboratorio LPT dal fascicolo sul glifosato attualmente in fase di rivalutazione a livello dell’UE e da qualsiasi altro fascicolo.

Il laboratorio sta attualmente affrontando accuse penali e sebbene sia impossibile sapere se la frode si è verificata solo negli studi relativi al glifosato, tutti i test forniti da LPT Hamburg devono essere considerati inaffidabili e quindi scartati dalla procedura di rivalutazione.

Angeliki Lyssimachou, tossicologo ambientale presso PAN Europe, ha dichiarato: “La stragrande maggioranza degli studi che portano all’approvazione di un pesticida sono condotti dalla stessa industria dei pesticidi, direttamente o tramite laboratori a contratto come LPT Hamburg. Abbiamo criticato questo conflitto di interessi per molti anni. La nostra coalizione invita regolarmente la Commissione a interrompere questo processo scandaloso: i test devono essere eseguiti da laboratori indipendenti sotto controllo pubblico, mentre il finanziamento degli studi dovrebbe essere sostenuto dall’industria ” .

Hans Muilerman, responsabile della politica chimica presso PAN Europe, ha aggiunto: “Per anni, gli Stati membri europei, l’EFSA e la Commissione hanno difeso la convinzione che uno studio accreditato finanziato dall’industria è più affidabile di uno studio non industriale, non accreditato. Migliaia di studi indipendenti sui pesticidi che mostrano danni all’uomo o alla natura sono stati scartati dai regolatori perché non accreditati”. Tuttavia, è bebe ricordare che proprio sulla base di studi non accreditati, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato il glifosato come probabile cancerogeno. “È tempo che la salute dei cittadini abbia la precedenza sul profitto delle aziende!” ha concluso Lyssimachou.