Televisori Lcd e Oled, come pulirli senza rovinarli

Per un televisore a schermo piatto è facile riempirsi di polvere, ditate, o altri tipi di macchie. Come pulirlo correttamente? A dare qualche consiglio utile ci pensa Consumer Reports.

La differenza con la vecchia tv a tubi catodico

“Se stai pulendo un vecchio televisore a tubo catodico, hai un po ‘più di flessibilità perché il suo schermo è fatto di vetro e può essere pulito come altri oggetti di vetro nella tua famiglia. In questa — e solo questa — istanza, va bene usare un prodotto lavavetri” scrive il portale americano.  I televisori Lcd sono molto più sensibili e devono essere puliti con cura per evitare che gli schermi vengano graffiati o danneggiati. I televisori al plasma hanno anche schermi in vetro, ma i produttori spesso applicano un rivestimento antiriflesso sensibile, quindi dovrebbero essere trattati come un televisore Lcd.

Il tipo di panno da usare

Sia per i Tv Oled che per gli schermi Lcd, il consiglio è lo stesso ed è semplice: pulire con un panno morbido e asciutto per evitare di graffiare lo schermo. In tutti i casi, spegnere la TV, o addirittura scollegarla, prima di pulirla, afferma Claudio Ciacci, a capo del programma di test TV di Consumer Reports. “Oltre a essere più sicuro per il set, di solito è più facile vedere lo sporco o le impronte digitali quando lo schermo è scuro”, afferma l’esperto. La maggior parte dei manuali e dei siti Web dei produttori contiene istruzioni per il modo migliore di pulire i propri set. Fare qualcosa che il manuale del proprietario vieta è un buon modo per annullare la garanzia.

Schermo piatto, gli errori da evitare

Gli schermi possono graffiarsi facilmente e persino i fazzoletti di carta o i tessuti contengono fibre che possono danneggiare. “La cosa migliore da fare è usare un panno in microfibra morbido e antistatico, del tipo usato per pulire gli occhiali e le lenti della fotocamera, e pulire con un movimento circolare”, afferma John Walsh, che pulisce più di 250 televisori all’anno nel suo ruolo di un fotografo di Consumer Reports. “Pulisci delicatamente lo schermo con un panno asciutto per rimuovere polvere e altri detriti, ma non premere troppo forte”, dice.

Una passata anche al resto del televisore

Puoi anche pulire le restanti parti del televisore e assicurarti che la polvere non ostruisca le prese d’aria che aiutano a dissipare il calore. Se il televisore si trova su un supporto e non è legato al muro, Walsh suggerisce di pulirlo con una mano mentre sostiene il televisore con l’altra per evitare che il televisore si ribalti. Tuttavia, CR raccomanda vivamente di ancorare tutti i televisori su piedistallo utilizzando cinghie antiribaltamento progettate a tale scopo.

E per le macchie più ostinate?

Se sono presenti macchie difficili da rimuovere, è possibile inumidire leggermente il panno con acqua distillata e pulire delicatamente lo schermo. Non spruzzare acqua direttamente sullo schermo, che potrebbe causare guasti ai componenti se gocciola o penetra nei meccanismi interni del set. Per le macchie più ostinate, puoi provare a utilizzare una soluzione di detersivo per piatti molto delicato, altamente diluito con acqua, ancora una volta applicato sul panno e non sul televisore stesso. (Come linea guida per la quantità di sapone da utilizzare, Panasonic era solita raccomandare un rapporto 100: 1 tra acqua e sapone.) Gli schermi Lcd, in particolare, sono molto sensibili alla pressione e possono graffiarsi facilmente, quindi non premere troppo forte. Walsh suggerisce che se si utilizza un panno inumidito, è meglio passare di nuovo sullo schermo con uno asciutto per rimuovere eventuali vortici o strisce.

Evitare prodotti chimici nocivi

L’alcool e l’ammoniaca, presenti nei detergenti per vetri, possono provocare danni sulla TV a schermo piatto, quindi non utilizzare detergenti che li abbiano. Se decidi di utilizzare un “detergente per schermi” confezionato, di cui non hai davvero bisogno (vedi sotto), scegli uno che non contenga alcol, ammoniaca o acetone. Inoltre, non utilizzare detergenti contenenti abrasivi che possono graffiare lo schermo.

E infine… una pulita al telecomando

I telecomandi possono non solo diventare polverosi ma anche contenere un discreto numero di germi. Per sicurezza, probabilmente è meglio rimuovere le batterie dal telecomando prima di iniziare la pulizia. Quindi iniziare capovolgendo il telecomando in modo che i pulsanti siano rivolti verso il basso e toccare il telecomando contro il palmo per rimuovere eventuali detriti che potrebbero essere caduti tra i tasti o i pulsanti. Pulisci l’intero telecomando con un panno morbido spruzzato con un po ‘di alcool diluito con acqua. Il panno dovrebbe essere umido, non bagnato. Per pulire dentro e intorno ai pulsanti, è possibile utilizzare un batuffolo di cotone inumidito con la miscela alcool / acqua. Altri detriti ostinati inseriti più a fondo possono essere rimossi con uno spazzolino asciutto o uno stecchino di legno. Infine, pulire di nuovo l’intero telecomando con un panno asciutto e morbido e reinstallare le batterie.