La Cina fa incetta di carne di maiale in Europa e i prezzi schizzano in alto

Il costo della vita in Cina ha superato l’obiettivo del 3% del governo per la prima volta in un decennio, e gran parte del problema è rappresentato dall’aumento del prezzo della carne suina (Asf), che è trainato da un diffuso scoppio della peste suina africana. A raccontarlo è il quotidiano inglese The Guardian, che riporta come la tendenza riguardi anche l’Europa, dove i prezzi della carne suina stanno crescendo a causa dell’incetta cinese.

I cinesi consumano molta carne suina

“Il maiale è un grosso problema in Cina. Il cinese medio consuma circa 30 kg di carne di maiale all’anno (in confronto, le persone negli Stati Uniti mangiano circa 26 kg di carne di manzo all’anno e i consumatori del Regno Unito circa 18 kg). Dall’agosto 2018, quando la Cina ha notificato all’Organizzazione mondiale per la salute animale che l’Asf era nel paese, la malattia si è diffusa con una velocità straordinaria” scrive The Guardian. Circa il 40% dei maiali cinesi – centinaia di milioni di animali – è stato perso, e il risultato è stato una carenza cronica di carne suina e prezzi altissimi. Il governo cinese è stato costretto a scavare nelle sue gigantesche riserve di emergenza di carne congelata. “Il prezzo alla produzione è aumentato del 125% da luglio”, ha dichiarato Rupert Claxton della società di consulenza alimentare internazionale Girafood. Tale aumento ha contribuito a far salire il tasso di inflazione della Cina, che a ottobre ha superato l’obiettivo del governo del 3% per raggiungere il 3,8%.

Aumento delle importazioni

Anche le importazioni di carne di maiale in Cina sono aumentate vertiginosamente. Nel settembre dello scorso anno sono stati spediti 94 milioni di kg, ma la crisi dell’Asf ha spinto le importazioni a 161 milioni di kg quest’anno e i funzionari si stanno affrettando a certificare le aziende agricole in Brasile, Irlanda e molti altri paesi per l’esportazione a un ritmo senza precedenti per soddisfare la domanda. Due settimane fa, hanno revocato il divieto di importazione dal Canada.

In Europa prezzi su del 35%

Di conseguenza, scrive The Guardian, i prezzi della carne suina stanno aumentando anche fuori dalla Cina. L’Europa ha registrato un balzo di almeno il 35% dall’inizio dell’anno. “Il problema è che le esportazioni globali globali di carne suina nel 2018 sono state di 8 milioni di tonnellate e la Cina è bassa di 24 milioni”, ha affermato Claxton. “Non c’è abbastanza carne di maiale al mondo per colmare il divario.”

La peste nel vecchio continente

E non è la sola preoccupazione per noi europei: la peste suina circola in Europa da diversi anni, ma l’anno scorso ha iniziato a diffondersi a un ritmo più rapido. Ora è stato segnalato in oltre 40 paesi e all’inizio di questa settimana è stato scoperto che ha attraversato la Polonia per 300 km dalle province più orientali alle fattorie vicino al confine occidentale. Alistair Driver della rivista mensile britannica Pig World ha affermato che ciò è estremamente preoccupante. “È a soli 70 km dal confine tedesco e la Germania è uno dei maggiori esportatori di carne di maiale al mondo.”