Usa, il caso dell’acqua minerale contaminata da E.coli che non viene ritirata

L’Autorità Usa per la sicurezza alimentare è stato fortemente criticata per non aver preso misure dopo aver scoperto la contaminazione di acque minerali e non aver preso misure immediate. Il rapporto del governo del maggio 2018 su Sweet Springs Valley Water Company, un produttore di acqua in bottiglia nella Virginia occidentale, era allarmante. Un ispettore della Food and Drug Administration, durante una revisione dei registri dei test di Sweet Springs, ha scoperto che diversi mesi prima la società aveva imbottigliato e distribuito acqua da una fonte contaminata da E. coli, un batterio potenzialmente mortale. Come spiega ConsumerReports, che riporta la notizia, quando viene rilevata E. coli nell’acqua di fonte, le aziende devono interrompere l’imbottigliamento fino a quando non producono cinque campioni senza E. coli in un periodo di 24 ore, secondo la FDA, che regola l’acqua in bottiglia negli Stati Uniti, ma secondo le 47 pagine report – che descrive in dettaglio numerosi altri problemi ed è stato ottenuto da Consumer Reports attraverso una richiesta del Freedom of Information Act – la società non ha interrotto la produzione. Né aveva condotto test sull’acqua di fonte.

La difesa dei produttori e lo scaricabarile

L’ispettore ha chiesto al manager di Sweet Springs, Mable Cox, se avesse preso in considerazione l’idea di richiamare l’acqua in bottiglia, dice il rapporto. Cox ha risposto che lo avrebbe fatto su richiesta della Fda. Ma l’agenzia “non ha richiesto un richiamo”, ha detto Amanda Turney, portavoce dell’agenzia, in un’e-mail, senza spiegarne il motivo. Alla domanda sull’incidente, Cox ha detto a ConsumerReports che, dopo l’ispezione, ha inviato un autista a controllare i negozi, ma non è rimasto alcun prodotto sugli scaffali e non ha mai notificato ai consumatori il problema.

I precedenti

Il caso di Sweet Springs non è un’anomalia, secondo una revisione di Cr di centinaia di pagine di registri di ispezione e interviste con autorità di regolamentazione in sette stati. Nell’ultimo decennio, la Fda ha citato le aziende almeno 14 volte per non aver rispettato gli standard federali di qualità per l’acqua in bottiglia, ma nella maggior parte dei casi, l’agenzia non ha forzato un richiamo di prodotti che potrebbero non essere ancora stati consumati. Per quei prodotti che non sono stati richiamati, gli imbottigliatori non sembrano aver informato i consumatori sui risultati dei test che mostrano un’eccessiva contaminazione, cosa che le forniture idriche pubbliche devono fare per lo stesso tipo di violazioni. “In altre parole, l’acqua in bottiglia contaminata può ancora raggiungere consumatori inconsapevoli, anche se la FDA è a conoscenza del problema” scrive Cr.