I topi hanno rosicchiato il cavo della fibra. Chi paga le riparazioni?

Carissimo il Salvagente, vi seguo sempre (quando posso) e non riesco a stare senza di voi. Vorrei porVi un quesito in merito ad un abbonamento fibra 100mb con provider locale NovaQuadri (http://www.novaquadri.it/). Mi hanno comunicato è stato necessario un intervento di ripristino connessione e sostituzione cavo fibra all’interno del condominio (4 condomini totali ma ne usufruisco solo io) causa… roditori.

Secondo loro questa volta pagherò solo l’intervento dei tecnici 40 € con addebito in c/c, la prossima volta che dovesse succedere mi imputerebbero anche il costo effettivo del cavo a metro (7€/m, ne hanno sostituito più di 35m!).
Mi chiedo se la prassi sia corretta ed è mia responsabilità all’interno del condominio il fatto che i roditori abbiano mangiato il cavo e quindi debba io addossarmi tutta la spesa. Mi hanno detto che questa è “la loro politica”. Tim, Vodafone, ecc si comportano allo stesso modo?

Lettera firmata

Caro lettore, abbiamo sottoposto il suo quesito alla nostra esperta, Valentina Masciari, responsabile utenze dell’associazione dei consumatori Konsumer Italia. Ecco cosa ci ha risposto.

La regola generale, seguita dai gestori, è che se il disservizio sulla linea non è imputabile all’operatore, quindi se si è verificato un evento oggettivamente non riportabile all’operatore, come in questo caso, il gestore dovrà riparare il guasto entro i tempi previsti e l’unico aspetto che viene escluso e che differisce dalle altre casistiche, è il riconoscimento di un indennizzo, in quanto il guasto non è dipeso appunto, dal fornitore.

Nel caso concreto esposto dal lettore, e dei topi che “mangiano” il cavo, quindi, come regola, il gestore ripara il danno ma non riconosce alcun indennizzo.

Al nostro lettore, però, viene richiesto un costo  per la riparazione, cosa anomala se la parte danneggiata rientra nella competenza del gestore, quindi se l’impianto è di sua proprietà. L’unica giustificazione plausibile, e credo che questa sia la casistica, è che il danno si  è verificato nella parte di impianto che rientra nella proprietà del cliente, cioè “in casa sua”, e quindi l’intervento va pagato.

Ciò dovrebbe comunque essere specificato nelle condizioni generali di contratto e comunque se questo cavo è nel condominio, tendo a dire che la riparazione vada pagata perché rientra nella tratta, diciamo privata.

Poi, si potrebbe sollevare la questione roditori con il condominio, in quanto come condomino, ad esempio, una mancata derattizzazione mi ha provocato un danno, ma è altra questione, oppure, per evitare che  casi analoghi si possano ripetere, chiedere al fornitore, che venga installato, a proprie spese, quindi a carico del lettore, un cavo antiroditori, che è più resistente e fatto apposta per evitare il perpetuarsi di questi eventi; certo costa un po’ di più rispetto ad un cavo normale ma se la cosa si ripete spesso, magari l’investimento conviene.

Per eliminare ogni dubbio sulla questione, comunque,  è preferibile richiedere per iscritto chiarimenti direttamente al proprio gestore così da capire come comportarsi per il futuro.