Ecco come fare un bucato senza danneggiare l’ambiente

Il nostro test ha dimostrato che per aver un bucato perfetto è necessario utilizzare un detersivo “tradizionale” ovvero un detergente che contenga tensioattivi, sbiancanti, candeggina e via dicendo. Alla prova di efficacia, infatti, hanno fallito (purtroppo) i detersivi ecologici, quelli che promettono, sì purtroppo promettono solo, di lavare i capi, e smacchiarli, senza danneggiare l’ambiente (continua dopo l’immagine)

Acquista qui il nuovo numero del Salvagente in edicola con il test su 12 detersivi per il bucato in lavatrice

Dobbiamo, dunque, rassegnarci e vivere con la consapevolezza di distruggere un pò di ambiente ogni volta che avviamo un ciclo di lavatrice. Una cosa, però, non dobbiamo sottovalutare e sono quelle informazioni sulla modalità di lavaggio. Quei messaggi che leggiamo distrattamente sui flaconi di detersivo possono aiutarci a fare il bucato in modo più compatibile con l’ambiente e in maniera più conveniente.

Quelle informazioni, infatti, ci indicano quanto di quel detersivo occorre in relazione allo sporco e alla durezza dell’acqua. E’ vero che alcune confezioni non sono proprio chiare sull’argomento, però, in linea di massima con un pò di pazienza è possibile riuscire a fare i “conti”.

Al di là di quello che ci dicono le confezioni, ci sono tre regole che dobbiamo tenere a mente: cercare di evitare di fare lavatrici con pochi indumenti; utilizzare sempre la temperatura più bassa privata dal programma di lavaggio e ridurre lo spreco di materiale da imballaggio.