Ginecologi: “Il glifosato fa male alle donne incinte, va eliminato”

L’International Federation of Gynecology and Obstetrics (Figo), l’unica organizzazione globale che rappresenta ostetrici e ginecologi, ha chiesto che il glifosato venga gradualmente eliminato in tutto il mondo:  i prodotti chimici nelle donne in gravidanza – sostiene la federazione – possono attraversare la placenta e, come con il metil mercurio, possono accumularsi nel feto e avere sequele di lunga durata. Negli ultimi quindici anni, un numero crescente di prove ha implicato il ruolo delle esposizioni ambientali sulla salute.

Si legge nello statement: “Indipendentemente dal fatto che gli scienziati stiano esaminando un aumento dei tassi di cancro, disturbi dello sviluppo neurologico, esiti della gravidanza o difetti alla nascita, ci sono prove a supporto dell’effetto delle esposizioni chimiche sulla salute.

Il glifosato è stato brevettato nel 1961 ed è l’erbicida più utilizzato al mondo. Sei miliardi di chilogrammi sono stati rilasciati a livello globale nell’ultimo decennio. Viene applicato in combinazione con altri prodotti chimici per migliorare l’efficacia. È stato utilizzato nel controllo delle colture, anche di marijuana e coca e nelle applicazioni di erbicidi geneticamente modificati. L’esposizione al glifosato può essere diretta a causa dell’applicazione o indiretta a causa della persistenza nella catena alimentare. Si trova nei prodotti alimentari e nelle riserve idriche a causa del deflusso per uso agricolo. Nel 1985, il glifosato è stato classificato come cancerogeno di classe C dall’Agenzia per la protezione ambientale. La classe C afferma che ci sono prove suggestive di causare il cancro. Nel 1991 l’EPA ha cambiato la classificazione in E, evidenza di non cancerogenicità nell’uomo.

Nel 2015, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) lo ha classificato (2A) come probabilmente cancerogeno per l’uomo. Nello stesso anno, l’Efsa ha pubblicato un rapporto secondo cui è improbabile che il glifosato costituisca un rischio cancerogeno per l’uomo e hanno proposto una nuova misura di sicurezza che rafforzerà il controllo dei residui di glifosato negli alimenti. La più recente meta-analisi pubblicata nel 2019, afferma che esiste un legame convincente tra linfoma non Hodgkins e glifosato.

Il glifosato sarà rinnovato nel 2022 nell’Unione europea; e un gruppo di Stati membri esaminerà la valutazione. La Francia si è impegnata a fermare l’uso del glifosato e a trovare risorse alternative favorevoli all’ambiente. Nel 2019, HEAL the Health and Environment Alliance ha citato nuovi studi che hanno documentato gli effetti transgenerazionali del glifosato. La Federazione invoca il principio di precauzione: “Quando un’attività solleva minacce di danni alla salute umana o all’ambiente, dovrebbero essere prese misure precauzionali anche se alcune relazioni di causa ed effetto non sono completamente stabilite scientificamente.”