“Ecco perché Daygum si definisce integratore alimentare”

Gentilissimi, abbiamo letto con attenzione l’articolo a firma di Dario Vista intitolato “Daygum& CO., e noi che le chiamavamo gomme da masticare” pubblicato il 17 luglio su Il Salvagente online.
L’articolo contiene inesattezze e mancano molte informazioni che hanno indotto il giornalista a conclusioni del tutto sbagliate sulle funzionalità del chewing gum Daygum Protex, oltre che sulla pubblicità dei chewing gum Vivident e Mentos.

Innanzitutto, occorre sapere che è dimostrato scientificamente che il chewing gum senza zucchero, anche non facente parte della categoria di integratore alimentare, è un valido aiuto per mantenere i denti in salute, benefici riconosciuti dalle autorità per la sicurezza alimentare internazionali, europee (EFSA) e nazionali.

Il chewing gum senza zucchero, se arricchito di ulteriori micronutrienti, come calcio e fluoro, utili per la salute dei denti, può e deve ottenere l’inquadramento come integratore (art 2 comma 3 del Decreto Legislativo n. 169/2004), non solo perché è legittimo a norma di legge, ma anche perché è doveroso a tutela dei consumatori, in quali possono verificare i quantitativi minimi stabiliti per la significatività nutrizionale e i quantitativi massimi a supporto della sicurezza d’uso di tali sostanze.
In sintesi, la sicurezza e l’utilità degli integratori è certa ed approvata dalle autorità competenti, e non dagli uffici marketing di alcuna azienda.

Relativamente al chewing gum come integratore alimentare e nello specifico Daygum Protex, sono necessarie le seguenti precisazioni:

  1. Daygum Protex è un integratore alimentare di calcio e fluoro, sul mercato da oltre venti anni. Prima della sua immissione in commercio, come richiesto dalla legge per tutti gli integratori, è stata notificata la relativa etichetta al Ministero della Salute, ottenendone così l’approvazione. Daygum contiene anche xilitolo, un edulcorante di origine vegetale considerato anti-cariogeno, perché possiede una provata attività antibatterica, ostacolando la crescita dello Streptococcus mutans, il principale microrganismo responsabile della formazione della carie. Il chewing gum senza zucchero con xilitolo è contemplato anche dalle Linee Guida Nazionali per la Promozione della Salute Orale e la Prevenzione delle Patologie Orali in età Evolutiva del Ministero della Salute (www.salute.gov.it)
  2. Tutti i claims utilizzati, tanto sulle etichette, quanto nelle pubblicità, sono autorizzati dal Regolamento (CE) N. 1924/2006 del Regolamento Europeo e del Consiglio e dalla Decisione di Esecuzione della Commissione del 24 gennaio 2013, oltre ad essere tutti scientificamente supportati. Di conseguenza, la scritta “meno carie” sulla confezione di Daygum, cosi come tutti i claims relativi ai prodotti non sono affatto “borderline”, come scritto nell’articolo.
  1. Le pubblicità televisive di Daygum e Vivident mettono in evidenza le reali e scientificamente supportate proprietà dei prodotti. Facciamo notare che Mentos Gum non è un integratore alimentare e non è presentato come aiuto all’igiene orale. Nessuna pubblicità Mentos fa riferimento ad alcun effetto salutistico.
  2. Tutti i nostri messaggi pubblicitari sono completamente allineati con le indicazioni dell’Antitrust e del Codice di Autodisciplina pubblicitaria.

In merito alle conclusioni dell’articolo, ci teniamo a precisare che Perfetti Van Melle ha sempre operato con norme etiche molto stringenti, con la massima attenzione ai riferimenti normativi e al rispetto dei propri consumatori. Il chewing gum con caratteristiche funzionali non è una trovata del marketing, come scritto, ma un prodotto che fornisce un aiuto alla corretta igiene orale di milioni di persone nel mondo.

Anna Re
Corporate Communications Perfetti Van Melle Italia