Depilate senza dolore e senza ricrescita: il test sugli epilatori a luce pulsata

Sono l’ultima frontiera dell’epilazione. Praticamente un sogno per ogni donna (e oramai anche per qualche uomo): niente più peli, in maniera permanente e per di più senza dolore.

I dispositivi a luce pulsata intensa funzionano inviando brevi flash di luce che vengono trasmessi attraverso i pigmenti colorati dei peli alle radici. Queste dovrebbero essere distrutte dal calore. Fin qui la teoria.

La pratica, o meglio le prestazioni di 8 modelli comuni nel mercato europeo, è stata verificata in un test condotto da Ktip, mensile dei consumatori svizzeri, che esaminato i modelli in laboratorio.

Lì gli esperti hanno esaminato l’efficienza con cui i dispositivi rimuovono i peli. Inoltre, undici donne hanno testato i modelli per la loro facilità d’uso, segnalando eventuali arrossamenti o dolore sulla pelle.

Risultato: solo un prodotto ha ottenuto una valutazione generale molto buona: il “Lumea Prestige BRI950 / 00” Philips che aveva rimosso in media l’83% di tutti i peli dopo cinque applicazioni.

Quanti peli vengono rimossi nelle utilizzatrici è un dato che dipende molto dal tipo di pelle e dal colore dei capelli, spiegano da Ktip. Nelle prove svizzere si è passati dall’efficienza del philips a risultati di gran lunga inferiori con il peggiore dei modelli che dopo 5 trattamenti aveva elimianto solo il 59% dei peli.

Se per portarsi a casa il vincitore del test servono almeno 400 euro, si può sempre optare per il secondo classificato, sempre un modello della Philips. Il Lumea Advanced BRI921 / 00 costa intorno ai 300 euro, penalizzato solo da una ridotta praticità d’uso.

In tutti i casi, spiegano gli svizzeri, gli epilatori a luce pulsata non hanno provocato dolore nelle utilizzatrici.

Il test è stato condotto nei laboratori dell’Ipi, Institutes for Product Market Research di Stoccarda,

ogni dispositivo è stato utilizzato da undici donne. In totale, sono stati eseguiti cinque trattamenti a intervalli di due settimane. Successivamente, il numero di peli che ricrescevano nei campi trattati è stato misurato in percentuale.

Le undici donne hanno provato i dispositivi sulle gambe, sotto le ascelle e sul viso.

 

ECCO I RISULTATI PUBBLICATI DA KTIP

 

Philips Lumea Prestige BRI950                    Molto Buono

Philips Lumea Advanced BRI921                  Buono

Braun Silk-Expert Ipl Bd 5001                     Buono

Babyliss Homelight Sensor G960 E              Sufficiente

Silk’n Jewel XL                                          Sufficiente

Remington IPL 3500 Compact Control Hpl   Insufficiente

Medisana Silhouette Ipl 840                       Insufficiente

Beurer Salon Pro System Ipl 10 000+         Scarso

CHI (E COME) DEVE FARE ATTENZIONE ALLA LUCE PULSATA

  • Prima di utilizzare un dispositivo di rimozione dei peli chiari, spiegano gli svizzeri, è importante sottoporsi all’esame della pelle da un dermatologo che escluda una predisposizione per il cancro della pelle. Con una tale predisposizione, la depilazione a luce pulsata è decisamente sconsigliabile.
  • Non si dovrebbe inoltre utilizzare un dispositivo del genere se si soffre di infezioni, si hanno ustioni, follicoli piliferi infiammati, abrasioni, ferite aperte, eczema, lividi o verruche sulla zona della pelle da trattare. O se la pelle è tatuata. I dispositivi non sono adatti alle donne in gravidanza e durante l’allattamento.
  • Tra un uso e l’altro dovrebbero passare almeno due settimane di pausa.
  • Due settimane prima del trattamento evitare l’abbronzatura.
  • Radere le parti da trattare uno o due giorni prima dell’uso.
  • Più la pelle è chiara, più intenso può essere regolato il flash. I tipi di pelle più scura vanno trattati solo a bassa intensità.
  • Dopo la depilazione, strofinare la pelle con una crema idratante.