Imperatore: “Vi spiego 5 cose da sapere per difendersi dalle banche”

Ha denunciato i meccanismi perversi del sistema bancario e ci ha svelato, in ben tre saggi inchiesta pubblicati da Chiarelettere – Io so e ho le prove (2014), Io vi accuso (2015) e Sacco bancario (2017) -, come e perché lo sportello può trasformarsi in una trappola per il consumatore. Ora Vincenzo Imperatore, ex manager bancario oggi consulente indipendente e autore di successo, con il nuovo “Soldi gratis – L’unico manuale che aumenta la tua intelligenza finanziaria” (Sperling & Kupfer, 256 pagine, 16,90 euro) ci offre un vero e proprio kit di autodifesa personale per “far crescere, prima ancora dell’educazione, la consapevolezza finanziaria nel consumatore affinché di fronte a un’esigenza sia in grado di porsi la domanda principale – cosa devo chiedere e per quali scopi mi serve? – e naturalmente possa trovare anche il modo per rispondere o ottenere le risposte necessarie”.

Il mondo bancario resta ancora un mondo oscuro per tanti italiani. “Siamo il paese – ci spiega Imperatore – con la più grande capacità di risparmio privato, e di debito pubblico, ma il 90% degli italiani non ha le informazioni complete o corrette per compiere semplice operazioni bancarie o finanziarie”.

Il libro è costruito sulla base di un percorso che, dai primi passi per costuire un rapporto bancario – la scelta dell’istituto di credito, del conto corrente, dell’eventuale consulente fino alla definizione del profilo di rischio – fino alla gestione del risparmio, la scelta dell’investimento e la costruzione della propria pensione integrativa, guida il lettore verso l’uscita del tunnel. Nel quale è facile finire se si è inconsapevoli.

Abbiamo chiesto a Imperatore di darci 5 consigli fondamentali in altrettanti “ambiti” bancari.

Mutuo: tasso fisso

“Siccome la curcva dei tassi prevista nei prossimi anni è in rialzo, e considerando che un mutuo dura almeno 15-20 anni, bisogna oggi scegliere senza esitazioni al tasso fisso”

Prestito: come dire no alla tv abbinata

“Dite tre volte No all’offerta bundle, ovvero alla ‘richiesta’ di acquistare una tv o un tablet “abbinati” al finanziamento: se il consumatore ha passato con successo l’analisi sul merito creditizio e quindi la banca ha già deciso di concedere il prestito perché lo ritiene interessante, al terzo diniego del richiedente, l’istituto si rassegnerà ed erogherà il finanziamento”.

Conto corrente: controllate ogni anno l’Isc

“Scegliete il ‘pacchetto’ più vicino alle vostre esigenze bancarie e ogni anno controllare l’Isc, l’Indice sintetico di costo, dei concorrenti per valutare se è ancora conveniente il conto che avete scelto”.

Investimenti (su cosa non puntare)

“Quando allo sportello vi propongono questi 4 strumenti finanziarie scappate a gambe levate subito: criptovalute, derivati, diamanti e fondi immobiliari. Correte ancora più forte se viene proposto uno swap o vengono presentati strumenti derivati come polizze assicurative dell’investimento: andatevene!”

Risparmio: usate i Barattoli della nonna

“Esiste una regola semplice: al basso rischio corrisponde un basso guadagno e, al contrario, a un alto rischio un – probabile – alto guadagno. Se qualcuno incrocia le corrispondenze mi sta mentendo. Il modo migliore per gestire il risparmio è usare il metodo dei Barattoli della nonna: ne aveva diversi – dal corredo per la zia a quello per pagare le bollette – e la quota che rimaneva la accantonava per il risparmio. Ecco bisogna re-imparare a gestire il proprio risparmio”.

Un ultimo suggerimento ve lo diamo noi: leggete Soldi gratis, troverete il modo di sapervi difendere meglio di fronte a un dubbio o controversia allo sportello.