New York, nei parchi pubblici non si potrà utilizzare il glifosato

I pesticidi tossici, e tra questi il glifosato, saranno banditi dai parchi newyorkesi. E’ quanto prevede una proposta di legge presentata dai membri del New York City Council, Ben Kallos e Carlina Rivera. La proposta 1524-2019 vieterebbe a tutte le agenzie cittadine di spruzzare pesticidi altamente tossici, come il glifosato, e sarebbe la legislazione più ampia per regolamentare l’uso dei pesticidi nella città.

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica il glifosato come un probabile cancerogeno e la sostanza chimica è parzialmente o completamente vietata in molti paesi in tutto il mondo.

L’erbicida liquido più utilizzato in città è il glifosato, venduto come Roundup, che rappresenta oltre il 50% dell’uso di pesticidi da parte delle agenzie cittadine ed è stato spruzzato 1.365 volte nel 2013, secondo un rapporto del Dipartimento della salute.

“I parchi sono luoghi per giocare non per spruzzare pesticidi”, ha detto Ben Kallos . “Tutte le famiglie dovrebbero poter godere dei nostri parchi cittadini senza doversi preoccupare di essere esposti a pesticidi tossici potenzialmente cancerogeni“.

La Monsanto, la società che commercializzava il glifosato come Roundup e che è stata acquisita da Bayer, è stata condannata a pagare $ 78 milioni da un tribunale di San Francisco a Dewayne Johnson, un giardiniere malato terminale di cancro: il giudica ha stabilito una correlazione tra l’esposizione al glifosato e la sua malattia. Proprio il mese scorso, in una seconda causa , il tribunale ha ordinato a Monsanto di risarcire Edwin Hardeman, per le stesse ragioni.

La legislazione proposta sposterebbe le agenzie cittadine verso i pesticidi biologici, che derivano da sostanze presenti in natura, al contrario delle sostanze sintetiche. Vi è un generale consenso sul fatto che i pesticidi biologici sono di solito intrinsecamente meno tossici rispetto ai loro omologhi convenzionali e sono spesso molto più efficaci nel mirare a un parassita specifico. I pesticidi biologici possono anche essere utilizzati in quantità più piccole e degradare nell’ambiente più rapidamente. Inoltre, il disegno di legge aggiunge misure per impedire che i pesticidi dannosi contaminino i sistemi idrici impedendo che i pesticidi sintetici vengano spruzzati entro 75 piedi da un corpo naturale di acqua.

Il membro del Consiglio Kallos ha introdotto per la prima volta una legislazione per limitare l’uso di pesticidi dannosi nei parchi cittadini nel 2015, dopo aver ascoltato gli studenti della PS 290, che hanno espresso preoccupazioni per la tossicità e gli effetti sulla salute sia sull’uomo che sugli animali.