Freshdetect, in arrivo il test rapido per valutare la qualità della carne

In pochi secondi determina la carica batterica totale presente nella carne cruda senza estrarre fisicamente un campione e mandarlo in laboratorio. Un balzo in avanti nella sicurezza alimentare quello che farebbe compiere il Freshdetect, nato da un progetto finanziato dalla Ue, uno strumento portatile che secondo gli sviluppatori determinerà la qualità microbiologica dei prodotti a base di carne contribuendo a prevenire infezioni batteriche tramite l’alimentazioni.

Le malattie trasmesse tramite alimenti rappresentano un problema di sanità pubblica in tutto il mondo. Secondo l’Oms ogni anno 600 milioni di persone, una ogni 10, si ammalano dopo aver mangiato alimenti contaminati e 420mila addirittura muoiono.

In pratica l’apparecchio determina la “carica batterica totale (TVC, Total Viable Count) nella carne cruda senza estrarre campioni e senza incubazione”. Il dispositivo, come riportato dal Simevep, la Società italiana di medicina veterinaria pubblica,  utilizza un procedimento a spettroscopia di fluorescenza che dirige una luce blu intensa sulla superficie della carne e misura le firme fluorescenti caratteristiche e la flora batterica. “La TVC è quindi calcolata usando un affidabile algoritmo di analisi al fine di accertare la qualità microbiologica del prodotto. Le misurazioni non sono invasive e durano solo pochi secondi. I risultati sono visualizzati direttamente sul dispositivo subito dopo la misurazione”.

Oliver Dietrich, amministratore delegato dell’azienda che coordina il progetto FreshDetect GmbH, ha dichiarato a Foodnavigator che questo strumento “crea una nuova dimensione nella sicurezza alimentare” e di certo rende più veloci e possibili i controlli sulla carne nei macelli prima di essere confezionata.

In futuro l’applicazione sarà estesa anche ai controlli su pesce, latticini, frutta e ortaggi. L’attenzione non si concentrerà esclusivamente sulla contaminazione batterica, ma anche sul rilevamento di pesticidi, erbicidi, origine, età (grado di maturità) e altri fattori della materia prima.