Corte di giustizia Ue: carne halal e kosher possono essere etichettate come bio

L’avvocato generale della Corte di giustizia europea ha informato la Corte di giustizia che gli animali non storditi prima della macellazione per conformarsi ai riti religiosi per carne halal e kosher dovrebbero poter essere etichettati come biologici se soddisfano altri standard di produzione biologica. A riportare la dichiarazione, il portale FoodNavigator. L’opinione ufficiale, rilasciata dall’avvocato generale Nils Wahl, ha rilevato che i regolamenti organici europei non richiedono che gli animali siano storditi prima del massacro, ma solo che la loro sofferenza sia ridotta al minimo.

Il ricorso degli animalisti francesi

Il parere fa seguito a un ricorso presentato dall’associazione francese per i diritti degli animali Œuvre d’Assistance aux bêtes d’abattoirs (OABA), che intende escludere animali abbattuti senza essere storditi dall’essere dichiarate biologiche sulla confezione. Il giudizio di Wahl si basava su due regolamenti UE che regolano la produzione, l’etichettatura e la regolamentazione biologica – regolamento numero 834/2007 e 889/2008. Ciò va considerato in concomitanza con le norme che disciplinano la produzione animale convenzionale, in particolare il regolamento n. 1099/2009 sulla protezione degli animali al momento dell’abbattimento.Neanche la regolamentazione che riguarda la produzione biologica, ha spiegato l’avvocato, “definisce espressamente il metodo o i metodi di macellazione degli animali che soddisfano gli obiettivi di benessere degli animali o di ridurre la sofferenza degli animali” assegnati alla produzione biologica.

La motivazione

L’articolo 4.1 del regolamento 1099/2009, dedicato ai “metodi di stordimento”, stabilisce che gli animali saranno uccisi solo dopo lo stordimento e che la “perdita di coscienza e sensibilità sarà mantenuta fino alla morte dell’animale”. Tuttavia, una clausola successiva del regolamento recita: “Nel caso di animali soggetti a particolari metodi di macellazione prescritti da riti religiosi, i requisiti di cui al paragrafo 1 non si applicano a condizione che la macellazione avvenga in un macello.” Wahl ha concluso: “In assenza di dettagli sui metodi di macellazione prescritti dalla legislazione sull’agricoltura biologica, è necessario fare riferimento al corpus delle norme che disciplinano il benessere degli animali al momento dell’uccisione … In questo contesto, le norme che disciplinano la macellazione rituale non può essere escluso. ”

Nessun conflitto con la libertà religiosa

Wahl ha anche minimizzato l’implicazione che le sue scoperte potrebbero suggerire che limitare la certificazione biologica halal o kosher rappresenterebbe una minaccia per le libertà religiose: “Se si dovesse concludere che il massacro rituale senza stordimento era proibito nel contesto dell’agricoltura biologica, i cittadini della fede ebraica o musulmana sarebbero ancora in grado di ottenere carne kosher o halal e, di conseguenza, l’essenza stessa del diritto alla religione non sarebbe alterato. A loro sarebbe semplicemente impedito di consumare carne kosher o halal certificata “agricoltura biologica”. La Corte Suprema della Corte di Giustizia emetterà ora una sentenza definitiva sul caso. Queste sentenze riflettono solitamente le conclusioni dell’avvocato generale. E c’è da credere che le associazioni animaliste protesteranno veemente contro una decisione che sembra mettere il benessere animale all’ultimo posto.