L’inchiesta: “Sfruttamento nelle piantagioni di caffè certificati Starbucks in Brasile”

Un’inchiesta giornalistica svela il lato oscuro di Starbucks, la popolare catena di caffetterie americana appena sbarcata anche in Italia (a Milano): secondo il reportage di Daniela Penha (tradotto da Roberto Cataldo), prodotto da Mongabay e Reporter Brasil, infatti, nelle piantagioni di caffè brasiliano certificate dal famoso marchio, si consumano violazione dei diritti dei lavoratori.

Al differenza tra la carta e la realtà

“A prima vista, – scrivono i reporter – la fattoria Córrego das Almas a Piumhi, nello stato rurale del Minas Gerais, sembra essere una proprietà modello. ‘Nessuno schiavo o lavoro forzato è permesso’, si legge uno dei numerosi segnali che mostrano le certificazioni internazionali, incluso uno collegato alla società Starbucks con sede negli Stati Uniti”. Ma gli investigatori hanno scoperto che i lavoratori nelle piantagioni di caffè della fattoria lavoravano in condizioni degradanti e vivevano in alloggi di scarsa qualità senza fognatura o acqua potabile. Gli investigatori del ministero del Lavoro hanno salvato 18 lavoratori che lavoravano in condizioni analoghe alla schiavitù nelle fabbriche di caffè nello stato del Minas Gerais. La fattoria, conosciuta localmente come Fartura (portoghese per abbondanza), vanta anche il sigillo UTZ, un certificato di agricoltura sostenibile con sede nei Paesi Bassi considerato uno dei più prestigiosi nel settore del caffè. Il sigillo di approvazione è stato sospeso dopo che il certificatore è stato interrogato da Reporter Brasil sul caso. La fattoria detiene anche la C.A.F.E. Pratica la certificazione di proprietà di Starbucks in collaborazione con SCS Global Services. Dopo aver sentito del raid, le due società responsabili dell’emissione del sigillo hanno dichiarato che avrebbero rivisto il certificato di qualità dell’azienda. I certificatori verificano le catene di approvvigionamento delle materie prime al fine di assicurare acquisti etici, buone pratiche di lavoro e altri criteri richiesti da Starbucks e altri rivenditori.

Pipistrelli e topi

“C’erano un sacco di pipistrelli e topi, compreremmo cibo e i topi l’avrebbero mangiato, quindi abbiamo dovuto comprarlo di nuovo”, ha detto uno dei soccorritori. “Non siamo stati pagati per le vacanze, la domenica, niente e abbiamo lavorato dal lunedì al sabato senza registrare le ore, durante la settimana partiremo alle 6 del mattino e ci fermeremo solo alle 5 del pomeriggio”, ha detto un altro ex impiegato salvato dalla fattoria, dove i lavoratori hanno ricevuto il pagamento in base alla quantità di caffè che hanno scelto.

Niente acqua potabile

I dipendenti vivevano in alloggi collettivi senza acqua potabile. Secondo gli ispettori, i servizi igienico-sanitari erano così precari da mettere a rischio la salute dei lavoratori. Il gruppo salvato ha riferito che i pipistrelli morti si trovavano spesso nei serbatoi dell’acqua, che non avevano copertura. Quest’acqua era usata per cucinare e bere. È stato anche riferito che, per gli operai che incassavano gli assegni pagati o per acquistare cibo, dovevano pagare una navetta “clandestina”, una situazione analoga a quello che succede nei campi italiani, e che la scorsa estate è costata la vita a 12 braccianti in un incidente stradale. Dopo che Repórter Brasil ha interrogato l’organizzazione, la certificazione è stata sospesa e il gruppo ha affermato che la sua squadra avrebbe esaminato le condizioni della fattoria.

La versione di Starbucks

Secondo Starbucks, la fattoria Fartura è stata certificata dal 2016, ma l’azienda ha negato di aver “acquistato o ricevuto caffè da questa azienda negli ultimi anni, affermando che sta avviando un processo di indagine per rivalutare il marchio”. Stiamo già indagando su questa questione e continueremo a prestare molta attenzione alle emissioni del Ministero del lavoro e dell’occupazione [brasiliano] e comunicheremo ai nostri fornitori che nessuna azienda nell’elenco potrebbe fornire caffè a Starbucks “, si legge nella nota.