Neonicotinoidi, lo studio rivela: creano dipendenza nelle api (per cui è letale)

I bombi acquisiscono un gusto per il cibo legato a un pesticida noto per danneggiarli, secondo uno studio che suggerisce che le sostanze chimiche rappresentano una minaccia ancora maggiore per gli impollinatori di quanto si pensasse. Come riporta Euractiv, in alcuni esperimenti i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the Royal Society B., i ricercatori hanno dimostrato che le api inizialmente rimandate dall’acqua zuccherata contenente i neonicotinoidi – la classe di insetticidi più usata in tutto il mondo – hanno presto iniziato a cercarlz escludendo il cibo non contaminato. I neonicotinoidi interrompono la capacità delle api di riprodursi e riducono la loro resistenza alle malattie, e a differenza dei pesticidi di contatto, che rimangono sulla superficie della pianta, vengono assorbiti dai semi e trasportati a foglie, fiori, radici e steli man mano che la pianta cresce.

40% degli impollinatori a rischio estinzione

“All’inizio sembrava che le api evitassero il cibo contenente il pesticida”, ha detto l’autore principale Andres Arce, ricercatore presso l’Imperial College di Londra, “Tuttavia, mentre le api individuali sperimentano sempre più il cibo trattato, sviluppano una preferenza per esso”. Il ricercatore capo Richard Gill, anche lui di Imperial dichiara: “Spuntano alcuni sintomi del comportamento di dipendenza, che è interessante date le proprietà di dipendenza della nicotina sugli esseri umani”. Nell’Unione europea, tre prodotti a base di neonicotinoidi saranno vietati in campi aperti a partire dal 19 dicembre. La Francia ha vietato cinque varianti chimiche. Le Nazioni Unite hanno avvertito l’anno scorso che il 40% degli impollinatori di invertebrati – in particolare api e farfalle – rischia l’estinzione globale.