Glifosato, studio Usa: “Esposizione riduce durata della gravidanza”

L’esposizione al glifosato, l’erbicida più usato al mondo ritenuto probabile cancerogeno dalla Iarc, riduce la durata della gravidanza e quindi espone il feto a conseguenze indirette.

Acquista qui il numero di giugno 2017 con le analisi sulla presenza di glifosato nelle urine delle donne incinte condotta dal Salvagente in Italia

A questa conclusione è giunto lo studio congiunto delle Università dell’Indiana e della California che negli Stati Uniti ha coinvolto 71 donne in dolce attiva e, tramite l’esame delle urine, è stato riscontrato che nel 93% delle stesse aveva livelli rilevabili di glifosato nelle urine e che questo ha influito negativamente nella gestazione. Shahid Parvez, principale ricercatore dello studio e professore assistente nel dipartimento di Scienze della salute e dell’ambiente dell’Indiana University, ha dichiarato: “Ci sono sempre più prove del fatto che anche una leggera riduzione della durata della gravidanza può portare a conseguenze negative per il resto della vita”.

Stesso marker del test Salvagente

Lo studio condotto è il primo ad esaminare l’esposizione al glifosato nelle donne incinte negli Stati Uniti utilizzando campioni di urine come misura diretta dell’esposizione, lo stesso marker utilizzato dal Salvagente nel giugno scorso per valutare l’esposizione al glifosato nelle donne incinte italiane.  Parvez ha aggiunto: “Anche se il gruppo che abbiamo studiato era piccolo, geograficamente circoscritto e aveva una diversità etnica limitata, fornisce la prova diretta dell’esposizione materna al glifosato e una notevole correlazione con una gravidanza più corta”.

La fonte? Non l’acqua ma i cibi Ogm e caffé

“Una cosa che non possiamo negare – ha proseguito il ricercatore- è che l’esposizione al glifosato nelle donne incinte è reale. La buona notizia è che la fornitura pubblica di acqua potabile potrebbe non essere la fonte principale dell’esposizione al glifosato, come si credeva in precedenza. Nessuno dei campioni di acqua potabile testati mostrava residui di glifosato. È probabile che venga eliminato nel processo di trattamento delle acque. La cattiva notizia è che si sospetta che il consumo alimentare di prodotti geneticamente modificati e di bevande contenenti caffeina possa essere la fonte principale dell’assunzione di glifosato”.