Stessa marca, qualità diversa: la Ue mette a punto test europei comuni

La questione della differenza di qualità dei prodotti alimentari è una questione che la Commissione prende molto sul serio. Non potrebbe essere altrimenti dopo le molte polemiche da parte dei paesi dell’Est che sostengono (e in diversi casi hanno provato) che i big dell’alimentare hanno una doppia corsia: quella di ingredienti più pregiati per l’Ovest e di materie prime più scadenti da vendere nei paesi dell’Europa orientale.

I casi eclatanti, tra quelli denunciati non mancano: nella pappa “Riso e verdure” della Hipp ci sarebbe più riso e meno verdure nella formulazione venduta in Croazia rispetto a quella presente sugli scaffali tedeschi. Le caramelle gommose Happy Cola della Haribo contengono più zucchero nel prodotto tedesco rispetto a quello croato. La Coca-Cola, la Nutella, la Philadelfia ma anche la birra Heineken e il sapone da bucato Ariel hanno delle differenze di composizione (più scadente in Croazia e di prezzo (più elevato nei supermercati croati).

Il Commissario Jourová ha annunciato che la metodologia di test comuni, sviluppata dal Centro comune di ricerca della Commissione europea, con il supporto di almeno 16 Stati membri e parti interessate, sarà pronta ad aprile.

Ciò consentirebbe alle autorità degli Stati membri di avviare una campagna di test coordinata a partire dal mese di maggio. Le prove comporteranno la composizione di un paniere comune di prodotti commercializzati nella maggior parte degli Stati membri e comprenderanno test chimici e sensoriali. L’obiettivo è presentare i primi risultati entro la fine del 2018.

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato in occasione del discorso sullo Stato dell’Unione: “Non accetterò che in alcune parti d’Europa si venda cibo di qualità inferiore rispetto ad altri paesi, nonostante la confezione e il marchio siano identici. Dobbiamo dotare le autorità nazionali di poteri più forti per eliminare qualsiasi pratica illegale ovunque esista “.

Per affrontare questo problema, la Commissione ha già adottato orientamenti su come applicare e far rispettare le leggi UE in materia di alimenti e tutela dei consumatori nel settembre 2017. Sulla base di tale normativa, gli orientamenti stabiliscono un approccio fase per fase che permette alle autorità nazionali preposte al controllo degli alimenti e alla tutela dei consumatori di capire se i produttori violano tale normativa. Nel caso in cui vi sia una dimensione transfrontaliera della violazione, le autorità di tutela dei consumatori possono affrontarla a livello europeo mediante la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori.

Il Commissario Jourová ha dichiarato: “Stiamo continuando a sviluppare il nostro piano d’azione per porre fine alla questione della doppia qualità. Il fatto che 16 Stati membri partecipino è un chiaro segnale che questa non è una questione di divisione tra Est e Ovest. La riforma del diritto dei consumatori dell’UE, il “New Deal for Consumers”, che presenteremo in aprile, renderà anche più difficile e costoso per le aziende ingannare i consumatori. I consumatori devono rifiutarsi di acquistare prodotti che considerano di qualità inferiore, inoltre mi aspetto che l’industria rispetti le aspettative dei propri clienti e offra prodotti di uguale qualità in tutta l’UE “.

Alcuni produttori hanno già iniziato a cambiare le loro ricette per garantire che gli stessi prodotti siano venduti in tutta l’UE.