La paleo dieta? Adi: un regime alimentare senza fondamento scientifico

L’Adi, Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, punta il dito contro il regime paleodietetico “Life120” del giornalista Adriano Panzironi che promette di vivere fino a 120 anni eliminando i carboidrati e di guarire da patologie come diabete e Alzheimer. “Se un medico facesse in pubblico le stesse affermazioni di un simile personaggio in poco tempo dovrebbe rispondere giustamente al consiglio disciplinare dell’Ordine mentre personaggi mediatici come Lemme o Panzironi continuano ad aggirarsi nei salotti televisivi mettendo a rischio la salute della popolazione e senza incorrere in procedimenti disciplinari” è il commento Antonio Caretto, presidente Adi. 
L’associazione chiede al Ministero della Salute l’istituzione di un’Autorità di vigilanza che regoli e sanzioni il mercato delle diete propagandato attraverso i media e i social network: “Un organo di vigilanza potrebbe aiutare a smascherare secondo ADI tutti quei falsi profili e pagine social che promettono dimagrimenti rapidi e efficaci e che catturano molto spesso l’attenzione di giovani adolescenti con disturbi alimentari importanti” spiega Caretto.
 
La vicepresidente Barbara Paolini rincara la dose: “Dietro alle nutrition fake ovvero i falsi programmi di dimagrimento che bombardano i social network si nasconde il più delle volte un business fatto di integratori, pillole e pasti sostitutivi privi di alcuna validità. Profili di giovani ragazze senza evidenti titoli di studio promuovono, attraverso immagini di dimagrimento miracolosi e testimonianze non verificabili, integratori o beveroni di vario genere e ricette “detox” poco equilibrate. Con l’aiuto di un’autorità di vigilanza che certifichi i programmi riconosciuti dalla comunità scientifica e blocchi i profili a rischio, i danni per la salute potrebbero venire sicuramente limitati.”
Il regime paleodietetico non è il solo a suscitare perplessità. Proprio qualche settimana fa la rivista Us News and World Reports  ha stilato la classifica delle 40 diete più popolari, ordinate dalla migliore alla peggiore in termini di salute ed efficacia dimagrante. Bocciata la dieta chetogenica, basata sulla limitazione dei carboidrati e il consumo di grandi quantità di grassi e proteine mentre sono state promosse a pari merito la dieta mediterranea e la
Dash, o dieta anti-ipertensione.