L’Efsa da il via libera all’uso di nisina nella carne trattata

Secondo l’Efsa l’uso del conservante nisina (E 234) nel formaggio non stagionato e nei prodotti a base di carne trattata termicamente è sicuro. Allo stesso tempo, l’Agenzia ha aumentato l’assunzione giornaliera ammissibile da 0,13 mg a 1 mg. Attualmente la nisina è impiegata nei formaggini da spalmare e nei dolci di semolino. L’Agenzia ha raccomandato ai produttori di utilizzare la nisina nel formaggio non stagionato, ad un livello massimo di 12 mg per chilo e in prodotti a base di carne trattati termicamente ad un livello massimo di 25 mg / kg.

La Nisina è un conservante alimentare formato da 34 amminoacidi. Viene prodotta a partire dal Lactococcus lactis. Generalmente non viene mai realizzata in maniera artificiale, ma sempre partendo da substrati naturali del latte vaccino. Il conservante viene spesso aggiunto ai formaggi a causa del suo pH acido (3,5 – 6,00), ma lo si può trovare anche nella carne, nel pesce e in alcune salse come ketchup e maionese.

Acquista qui il numero di dicembre del mensile Il Salvagente con la lista di tutti gli additivi classificati in base alla loro pericolosità

Per quanto riguarda la sicurezza del conservante, le ricerche a disposizione sono contraddittorie motivo per cui nella nostra guida agli additivi abbiamo indicato l’E234 come un additivo da evitare. E l’ultimo provvedimento dell’Efsa non fa chiarezza al riguardo:sebbene il gruppo di esperti scientifici ha notato che queste incertezze sull’attività della nisina residua e sul microbioma “non alterano le conclusioni sui termini di riferimento”, ha tuttavia raccomandato una valutazione separata di tali rischi.