Roaming, l’Agcom richiama Tim e Vodafone: “Rispettate la normativa”

L’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni ha richiamato Tim e Vodafone a “dare piena attuazione alla normativa comunitaria” che dal 15 giugno ha abolito gli extracosti del roaming e quindi è possibile chiamare il proprio paese di origine in base alla tariffa nazionale e connettersi alla rete sfruttando il pacchetto dati della propria offerta anche al di là del confine.

Tuttavia come ha ribadito l’Agcom in una nota, “permangono criticità rispetto a profili specifici, quali ad esempio, la limitazione al solo territorio nazionale di alcune promozioni, tra cui quelle a titolo gratuito (ossia che non prevedono costi di attivazione per la clientela) quelle la cui attivazione è circoscritta a specifiche tipologie di utenza e quelle la cui fruizione è limitata a brevi periodi di tempo o aventi finalità di fidelizzazione”.

Richiamato anche l’operatore Lycamobile perché “non applica all’uso dei servizi mobili in roaming le stesse condizioni sottoscritte dall’utente a livello nazionale”.

L’intervento dell’Authority è di moral suasion e ora “le tre Società richiamate dovranno comunicare all’Autorità le iniziative che vorranno assumere per conformarsi al Regolamento Ue”.

Acquista qui il nuovo numero del Salvagente con la guida per evitare le trappole del roaming “gratuito” e il confronto sui pacchetti-vacanza dei vari operatori

Nel numero in edicola trovate uno speciale sulle trappole del Roaming (attenzione: le telefonate internazionali non sono gratuite, si pagano: se siete a Parigi e chiamate un numero francese, l’operatore vi addebiterà il costo in bolletta, mentre se chiamate Roma lo fate in base alla vostra tariffa) e un confronto sui pacchetti vacanze per chi vuole “ampliare” la propria dotazione di minuti, messaggi e Giga.