De Cecco contesta il test svizzero: “La nostra pasta non ha glifosato”

“La nostra pasta è pulita: il glifosato è assente ma la trasmissione non ne ha dato conto”. Si può riassumere così la replica della De Cecco ai risultati di un test condotto dalla trasmissione della tv svizzera A Bon Entendeur condotto su pasta e cereali da colazione per valutare la presenza di glifosato.

Le analisi hanno riscontrato la presenza in tracce – molto al di sotto dei limiti di legge che è di 10.000 ppb (parti per miliardo o 10 mg/kg) – in sei prodotti tra cui tre marchi di pasta italiana Barilla, De Cecco e Divella.

I prodotti analizzati insomma sono sicuri e quindi commerciabili, come abbiamo riportato nella notizia nella quale davamo conto dei risultati.

La De Cecco in una nota inviataci contesta la metodologia seguita dalla trasmissione A Bon Entendeur e i risultati ottenuti, confutati dalle contro analisi effettuate dall’azienda, ed espone la propria posizione in tre punti:

“1. Non è assolutamente chiaro come siano stati ottenuti i risultati diffusi dalla tv svizzera, con riferimento al campionamento, al laboratorio scelto, ed alle metodologie analitiche utilizzate;

2.      Il nostro campione di archivio dello stesso lotto analizzato dalla trasmissione A Bon Entendeur è stato inviato ad un laboratorio accreditato che, utilizzando un metodo ufficiale di analisi per il glifosate, ha evidenziato l’assoluta assenza dello stesso;
3.      Il risultato da noi ottenuto è stato comunicato alla Tv svizzera che ha scelto di ignorarlo“.