Fidget spinner, dalla Germania parte la crociata contro quelli cinesi

Il fidget spinner? Pericoloso per i bambini, dunque da sequestrare. Almeno in Germania, dove gli agenti della dogana aeroportuale di Francoforte, solo lo scorso mese, ne hanno confiscate 35 tonnellate importate dalla Cina.

Il gioco, un dispositivo con tre punte arrotondate che ruota come una moderna trottola, è nato con l’ambizioso obiettivo di essere d’aiuto ai bambini autistici o affetti da iperatività e di stimolare la concentrazione ma ben presto è diventato un oggetto di culto per i bambini di tutto il mondo.

Ora le accuse tedesche che lo bollano come rischio potenziale, soprattutto per i più piccoli. “Le luci al Led possono staccarsi facilmente, per esempio, e finire ingerite dai bambini” ha spiegato la portavoce dell’aeroporto di Francoforte. Senza contare che i dispositivi sequestrati (come molti di quelli in commercio nei nostri negozi) sono privi di marchio CE. “E non avevano gli obbligatori riferimenti al produttore  responsabile” hanno spiegato i tedeschi.

Non è certo la prima volta che il gioco, nato circa vent’anni fa ma diventato di moda di recente, finisce al centro delle polemiche. Oltre a sequestri analoghi di prodotti fuori norma eseguiti anche in Italia (l’ultimo, ieri, da parte della polizia municipale di Finale Ligure), molti ne criticano proprio i presunti benefici di aiuto alla concentrazione. L’attenzione continua al ruotare della moderna trottola, spiegano molti esperti, distrae l’attenzione visiva nei bambini che non soffrono di patologie. E non è ancora provato che aiuti i bambini affetti da autismo.

Un gioco come molti altri, insomma, da considerare tale senza alcuna demonizzazione, ma da scegliere con attenzione, soprattutto nelle versioni elettroniche (con Led) o, peggio ancora, in quelle con punte in grado di ferire il bambino.