I 14 filtri da sostituire in casa

Filtri sporchi o intasati possono provocare in casa diversi disagi: dall’aspirapolvere che non pulisce alla lavastoviglie che riduce le sue prestazioni fino al condizionatore d’aria che, oltre a raffrescare meno, può diffondere nell’ambiente il batterio della legionella.

Consumer Reports, la Bibbia dei consumatori statunitensi, consiglia così di tenere puliti e/o cambiare spesso 14 filtri di uso molto comune in casa. Ecco quali sono.

Filtri dell’acqua

Frigorifero

Se si dispone di un distributore d’acqua o di un icemaker (che produce ghiaccioli), è necessario un filtro per rimuovere piccole particelle o contaminanti, come il piombo e il cloro, e le impurità che causano cattivi odori o cattivi odori. I filtri devono essere sostituiti periodicamente seguendo le istruzioni del manuale del produttore, spesso due volte all’anno. 

Lavastoviglie

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Questo elettrodomestici  sono dotati di un filtro manuale che trattiene i residui di cibo e uno automatico che “pulisce” l’acqua di scarico. Se il primo va “liberato” ogni 2-3 settimane, il secondo va tenuto sottocontrollo perchè può ridurre sensibilmente le performances e restituirvi piatti poco puliti.

Caraffe filtranti

Le caraffe filtranti, molto spesso finite nel mirino per la loro non provata efficacia e per la pericolosità di alcune filtri, sono poco diffuse da noi e molto usate negli States. Secondo Consumer Reports i filtri vanno sostituiti una volta l’anno.

Lavandini e rubinetti

I filtri installati sotto il lavandino (per ridurre i sedimenti e alcuni inquinanti) e quelli all’estremità dei rubinetti (per arginare il calcare) vanno mantenuti continuamente e sostituiti periodicamente. I primi almeno ogni 4 mesi.

Filtri dell’aria

Purificatori

I purificatori ambientali, poco diffusi in Italia e di fondo molto poco efficienti, hanno diversi filtri e la manutenzione annuale è abbastanza cara. Se i pre-filtri possono essere puliti facilmente, i filtri veri e propri vanno sostituiti secondo le indicazioni riportate sul manuale del produttore.

Aspirapolvere

La mancata sostituzione dei filtri nell’aspirapolvere può causare perdita di aspirazione e provocare “spruzzi” di polvere in aria. Cambiando regolarmente i filtri, soprattutto sui modelli senza sacco, si risparmia tempo e si favorisce la performance dell’elettrodomestico.

Deumidificatore

Un filtro sporco può inibire le prestazioni del deumidificatore. La munutenzione non richiede particolare sforzo visto che la nella maggior parte dei modelli i filtri possono essere facilmente rimossi e pulite in pochi minuti. Mantenendo i filtri puliti si migliorerà la qualità dell’aria e la durata stessa dell’apparecchio.

Cappe da cucina

I filtri delle cappe aspiranti poste sopra i fuochi della cucina vanno sostituiti almeno una volta l’anno per garantire un buon assorbimento degli odori e fumi. Una volta rimosso il filtro è bene pulire e sgrassare la superficie per poi applicarne uno nuovo.

Forno a microonde

Anche questo elettrodomestico ha dei filtri che servono, insieme al ventilatore sul retro, a “catturare” i cattivi odori della cottura. La sostituzione non è affatto facile e la pulizia pure prevede più di una accortezza, anche se secondo gli esperti di CR il filtro andrebbe lavato in acqua calda e saponita almeno due volte l’anno.

Asciugatrici

Non molto presenti nelle nostre case, questi elettromestici tuttavia si stanno pian piano diffondendo. Un filtro usurato o sporco cosa provoca? Un aumento dei tempi di asciugatura, un consumo di energia maggiore e quindi una bolletta più salata. Alcuni modelli presentano dei sensori che segnalano un flusso di aria ridotto…segno che molto probabilmente il filtro va almeno controllato.

Forni a gas

I forni ventilati con un filtro sporco può impedire un corretto flusso d’aria, lasciando l’aria non filtrata e peggiorando la cottura.

Climatizzatori centralizzati

Possono produrre sia caldo che freddo e coprono l’intera casa o anche tutto l’edificio. Il filtro è unico e la ditta che si occupa della manuntenzione dovrà provvedere una volta l’anno, magari all’ “accensione” del riscaldamento, al controllo e/o sostituzione del filtro.

Condizionatore d’aria

Tutti i condizionatori d’aria hanno un filtro e alcuni sono dotati di un indicatore di filtro che segnala quando è necessario pulirlo.  Prima della stagione calda vanno comunque puliti i filtri per evitare che l’apparecchio “pompi” poco freddo e peggio che si possa “colonizzare” dal batterio della legionella.

Come si fa? Bisogna rimuovere il filtro o i filtri a seconda del modello e pulire bene all’interno per poi lavare il filtro nel lavandino in acqua calda. Aspettate che si asciughi per bene e poi riponete il filtro nel suo alloggio. 

Aspiratori in bagno

Tenere puliti constantemente i filtri e le “boccucce” (con una piccola spazzola per rimuovere i detriti maggiori e con un panno umido per tirare via i sedimenti di sporcizia) consente di far lavorare al meglio questo aspiratore che “cattura” i cattivi odori del bagno.