Spreco alimentare: per ogni euro investito ne tornano 14. L’esempio dell’Inghilterra

 

Per ogni euro investito nella riduzione dei rifiuto alimentari, ne tornano 14 indietro. Forse una notizia così riuscirà a far impegnare i produttori e le catene di distribuzione più di quanto abbiano fatto fin’ora nel contrasto allo spreco. Il dato in questione è il risultato di uno studio pubblicato da Champions 12.3, una rete composta da membri di governi, del mondo dell’economia, della ricerca, dell’agricoltura e della società civile, per l’innovazione. Gli autori sono  Craig Hanson, Direttore della divisione cibo, foreste e acqua al Wri, e Peter Mitchell, Capo della divisione economia del Wrap.

I numeri

Come riporta Foodnavigator, lo studio ha preso i dati di oltre 700 aziende diverse, 1.200 sedi aziendali in 17 paesi diversi, tra cui la Cina, il Vietnam, gli Stati Uniti, Regno Unito e Australia. Il 99% dei siti di attuazione dei programmi di riduzione di rifiuti alimentari ha mostrato un risultato finanziario positivo (sopra il pareggio) e il sito medio ha visto un ritorno quattordici volte superiore all’investimento, pari al 1.300%. Più della metà dei siti analizzati hanno ottenuto un risultato superiore, con il picco di ben 816 euro ritornati ogni 1 speso. Le aziende più virtuose erano generalmente quelle con punti di assistenza alimentari come i ristoranti, che in genere già hanno richiesto impianti di stoccaggio e distribuzione. I produttori di alimenti e i trasformatori in media hanno triplicato i propri investimenti.

L’esempio della Gran Bretagna

Sul fronte delle azioni promosse dai governi, lo studio segnala il caso del Regno Uniti, dove la campagna per eliminare i rifiuti domestici ha ottenuto un abbattimento del 20% in 5 anni. Tra le azioni, i cartelloni pubblicitari “Love Food Hate Waste (Ama il cibo, odia lo spreco), modifiche all’etichettatura del cibo e all’imballaggio. Il costo della campagna è stato poco meno di 30 milioni di euro, e il risparmio stimato dalle famiglie è stato di circa 7,5 miliardi. I governi locali hanno anche risparmiato 99 milioni in costi di smaltimento, evitato 3,4 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra, 1 miliardo di metri cubi risparmiati in acqua, mentre 430.000 ettari di terreno sono stati salvati nella produzione alimentare. Liz Goodwin del World Resources Institute, ha dichiarato: “Il successo che abbiamo visto nel Regno Unito dimostra che è possibile fare incursioni reali nella riduzione dei rifiuti alimentari. La sfida è ora quella di ottenere che tutti i paesi, le grandi città e la società capiscano che ridurre lo spreco di cibo e rifiuti è una vincita per tutti. Ci sono troppi problemi difficili, irrisolvibili nel mondo – la perdita di cibo e rifiuti non deve essere uno di loro “. In Italia, lo scorso settembre è stata approvata la legge contro gli sprechi alimentari e farmaceutici, ma ancora non ci sono dati sull’efficacia della norma.

La coalizione

La coalizione Champions 12.3 prende il nome dall‘obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) numero 12 sul consumo e la produzione responsabile. In particolare, il terzo obiettivo è quello di dimezzare la produzione pro capite di rifiuti alimentari a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo lungo la produzione e la catene di fornitura, entro il 2030. I membri del consiglio d’amministrazione includono dirigenti di Nestlé, Tesco, Kellogg, dell’UE e dell’Onu.