Così avvelenano una regione: lo scandalo dei Pfas in Veneto

Un inquinamento gravissimo, che ha costretto la Regione Veneto a tenere sotto controllo 85mila cittadini, per monitorarne lo stato di salute, sopratutto in relazione alle modifiche del metabolismo glicidico e lipidico.

Quello dell’inquinamento da Pfas è un caso che sta giustamente agitando i Veneti ma che è diventato un caso nazionale, coinvolgendo anche la giunta Zaia. I Pfas, derivanti dalla lavorazione di pentole antiaderenti, Goretex e carta da forno, raggruppano diverse sostanze, tra queste la più importante (e pericolosa) è il Pfoa, trovata negli acquedotti che servono la provincia di Vicenza, Verona e parte di quella di Padova in concentrazioni ben superiori alla soglia limite. L’inquinamento è stato scoperto nel 2013 quando sono arrivati i dati “bomba” del Cnr che lo svelavano in tutta la sua entità, ma non sembra ancora risolto.

E oggi gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione a Venezia, davanti alla sede della Regione Veneto a Palazzo Balbi, per protestare e chiedere alle autorità regionali di fermare subito gli scarichi di PFAS in Veneto.

(segue dopo la foto)

IL PROBLEMA? NON È RISOLTO

Analisi indipendenti condotte da Greenpeace dimostrano che le indagini effettuate finora dalle autorità regionali non hanno ancora individuato tutte le fonti di inquinamento. Il rapporto “Pfas in Veneto: inquinamento sotto controllo?” documenta la diffusa presenza di PFAS in altri scarichi industriali e fuori dall’area monitorata.

“È grave che dalle nostre analisi sia emersa la presenza, in alcuni scarichi, di rilevanti concentrazioni di composti mai individuati finora e che PFAS pericolosi siano stati trovati anche nel comune di Valdagno, in un’area non ancora presa in esame dalle autorità regionali” afferma Giuseppe Ungherese, Responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

(segue dopo la foto)

BLOCCATE L’INQUINAMENTO, ORA

Greenpeace ha lanciato una petizione per chiedere alla Regione Veneto di censire e bloccare tutte le fonti di inquinamento da PFAS, sostanze chimiche pericolose per l’ambiente e per l’uomo, e di adottare livelli di sicurezza di PFAS nell’acqua potabile in linea con i valori più restrittivi vigenti in altri Paesi. Per alcuni PFAS molto pericolosi per la salute, come il PFOA (un composto potenzialmente cancerogeno) e il PFOS, i livelli di sicurezza adottati in Veneto per le acque potabili sono fino a 7,5 volte più elevati rispetto agli Stati Uniti e oltre 5 volte più elevati rispetto a Germania e Svezia.

“I rappresentanti della Sanità in Veneto hanno pubblicamente ammesso che siamo di fronte a un disastro ambientale: non è possibile tutelare adeguatamente la salute e la sicurezza dei cittadini se si adottano valori di riferimento di PFAS nell’acqua potabile tra i più alti al mondo. La Regione Veneto deve abbassare subito i livelli di sicurezza di queste sostanze nelle acque potabili allineandoli con quelli adottati in altri Paesi europei. Le autorità regionali hanno il dovere di garantire acqua sicura e non contaminata ad ogni cittadino” conclude Ungherese.