mercoledì, 17 ottobre 2018

Italico

L’olio Italico confonde e inganna: così Coldiretti è rimasta sola

Il commento di Fabrizio Premuti, presidente di Konsumer Italia: "Bene Monini che prende le distanze dall'Italico. Ora solo Coldiretti resta a difendere la miscela di extravergine con solo il 50% di olio italiano: ripensateci per il bene dei produttori e dei consumatori"

Olio, anche Monini contro Coldiretti. L’Italico inganna i consumatori

Il presidente dell'azienda di Spoleto (e vicepresidente di Federolio) smentisce che nel tavolo di filiera con l'associazione dei coltivatori sia stata decisa un'operazione del genere, che confonde i consumatori. Il cerino resta in mano a Coldiretti che evidentemente aveva provato a forzare la mano. Producendo molte polemiche e una valanga di critiche

Olio Italico, anche i marchi industriali dicono no: “Confonde il consumatore”

Dopo la contrarietà degli olivocoltori del Cno e Unasco al progetto di Coldiretti-Federolio (una miscela con solo il 50% di extravergine italiano e il resto di comunitario), arriva il "niet" di Assitol-Confindustria. Sullo sfondo una guerra commerciale che rischia di penalizzare gli acquirenti

“L’olio ‘Italico’ è un inganno per i consumatori”. Al via la...

Gli olivicoltori della Cno e Unasco insieme ai consumatori puntano il dito contro il progetto di Coldiretti e Federolio di "sdoganare" la miscela di extravergine 50% italiano e il restante straniero: "Così si legalizza l'Italian sounding". Konsumer: "Il ministro Centinaio tuteli la trasparenza. La raccolta di firme su change.org

Extravergine, davvero per chiamarlo Italico basterà il 50% di olio italiano?

Il progetto al quale alcuni attori della filiera oleicola nazionale starebbero lavorando è quella di una miscela di oli esteri ed esteri da chiamare "Italico". L'Unasco, il consorzio dei produttori punta il dito contro Coldiretti-Unaprol e Federolio: "Legalizzano l'italian sounding interno!: un inganno per i consumatori"