Come gestire al meglio il proprio impianto aeraulico

Pubbliredazionale in collaborazione con Alisea

La manutenzione ordinaria di un impianto aeraulico non basta per respirare aria pulita. Gli agenti contaminanti, chimici o biologici, inquinano le condotte dell’aria e, se non si prendono provvedimenti, il rischio è quello di sviluppare malattie che in qualche caso potrebbero essere letali.

Spesso molte aziende si limitano a chiamare qualcuno che pulisca i canali. Quando è ora dell’ispezione, la programmano, poi niente più contatti fino a quella successiva. L’altro problema è che chi fa queste ispezioni si dedica all’intero impianto, ma non è detto che tutte le condotte dell’aria siano sporche. Se è davvero così, ispezionare l’impianto al completo comporta uno spreco di tempo e denaro. Come fare allora?

Tra le aziende verificate dal Salvagente, c’è proprio quella che fa al caso vostro.

Alisea è l’azienda n.1 in Italia nella gestione igienica degli impianti di trattamento aria. Fondata nel 2000 dal suo attuale Amministratore Delegato Andrea Casa, l’azienda si colloca fra le leader di settore. Grazie alle membership di associazioni prestigiose come NADCA (National Air Duct Cleaners Association) e AIISA (Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici), Alisea è il punto di riferimento per l’igiene aeraulica in Europa.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Alisea ha sviluppato negli anni il suo Metodo Garantito, un sistema integrato di valutazione, gestione e comunicazione del rischio aeraulico che affianca sempre il cliente, dal momento in cui c’è il primo contatto e dopo lo svolgimento delle attività stabilite riguardanti le condotte aerauliche. Il Metodo Garantito Alisea ha permesso di soddisfare le richieste di più di 3000 clienti, non solo in Italia ma anche all’estero. Ecco come funziona.

FASE 1: VALUTAZIONE DEL RISCHIO AERAULICO

Prima di procedere alla sanificazione (o alle altre attività concordate), è molto importante valutare qual è il rischio effettivo associato all’impianto aeraulico in questione. Per cominciare, si procede a un’analisi tecnico-ambientale che determina la struttura degli impianti, la loro integrità e stato di funzionamento, oltre alle condizioni ambientali interne ed esterne all’edificio e la quantità di persone che lo popolano. Successivamente, si procede alla stesura del DVR (Documento di valutazione del rischio aeraulico), che riporta tutti i dati raccolti e classifica le diverse zone dell’impianto aeraulico in base al rischio a queste associato. Il DVR stabilisce quali aree necessitano di azioni urgenti e quali, invece, hanno solo bisogno di essere reispezionate in futuro. Per farlo, è fondamentale il software AliWare 2.0, algoritmo proprietario che, in base ai dati del DVR, elabora l’Indice di Rischio Impiantistico.

Le attività di valutazione sarebbero impossibili da svolgere senza l’aiuto dei tecnici Alisea, che sono altamente specializzati e ricevono una formazione di alto livello certificata da NADCA.

FASE 2: GESTIONE DEL RISCHIO AERAULICO

 Una volta delineato il Piano di Gestione delle attività da realizzare, si procede alla Gestione del Rischio Aeraulico, e quindi allo svolgimento delle attività stesse. Sono 4 i campi in cui opera Alisea: ispezione tecnica preliminare degli impianti, per comprendere la natura della contaminazione; azioni di riparazione e manutenzione dell’impianto aeraulico; azioni di sanificazione, quindi di pulizia e disinfezione; attività ispettive di sorveglianza periodica.

FASE 3: COMUNICAZIONE DEL RISCHIO AERAULICO

Questa fase è rivolta ai soggetti direttamente esposti al rischio aeraulico e a coloro che devono gestirlo: si tratta di Dirigenti, HSE, RSPP/ASPP e Preposti, che possono richiedere un corso informativo per imparare a identificare i rischi aeraulici e a ottimizzare la gestione igienica dei propri impianti.

Ricordiamo anche che Alisea è molto attiva sul fronte formazione: tiene infatti dei corsi in collaborazione con AIAS Academy per l’aggiornamento delle figure sopra elencate.

REMOTAIR REVOLUTION

 Prima di concludere l’articolo, non possiamo non parlarvi di Remotair, un dispositivo innovativo basato sull’intelligenza artificiale che sostituisce le ispezioni visive periodiche alle vostre condotte dell’aria. Perchè continuare a fare ispezioni, se è possibile tenere il proprio impianto sotto controllo da remoto tutti i giorni a ogni ora? La risposta è Remotair, che permette di risparmiare tempo e denaro, senza considerare che avendo sempre a disposizione i dati aggiornati sulle condizioni degli impianti, permettere di ottimizzarli garantendo così un buon risparmio energetico.