Mi posso fidare degli assorbenti che dichiarano di essere compostabili?

assorbenti

Caro Salvagente,

vi leggo sempre con molto interesse, ed oggi vi scrivo per proporre un articolo che a mio avviso sarebbe molto interessante, ovvero: gli assorbenti compostabili, da gettare direttamente nel rifiuto umido. Sempre più spesso negli scaffali dei supermercati si legge questa dicitura, cito per esempio gli assorbenti “Vivicot”, che ho acquistato parecchie volte, confermando pertanto la mia preferenza di scelta proprio tra quelli che possiedono questa caratteristica, ovvero l’essere compostabili, onde evitare di produrre tanto rifiuto “secco”. Tuttavia mi risulta quasi impossibile non pormi la domanda: ma saranno davvero così?

Francesca

 

Cara Francesca, abbiamo inoltrato la sua domanda a Eva Alessi, responsabile consumi sostenibili e risorse naturali del Wwf. Ecco la sua risposta

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

La marca di cui parla la vostra lettrice, Vivicot, mi sembra seria: alcune linee sono in cotone biologico e certificato secondo gli standard Icea e l’internazionale Gots. Buone entrambe. Il prodotto è dichiarato compostabile  in riferimento alla normativa EN 14342, e in quanto tale può essere conferito nell’organico. Sinceramente avessimo parlato di posate in bioplastica qualche dubbio sulla compostabilità in alcuni impianti l’avrei avuta, dato lo spessore della bioplastica, ma per un assorbente femminile (neanche uno per neonati che sono giganti, super imbottiti) non vedo problemi alla compostabilità. Dentro avrà un film in bioplastica di protezione che avrà lo spessore di una busta più o meno, il resto è cotone. Tra l’altro, come ha segnalato un recente rapporto condotto da Cic e Corepla, è aumentata negli ultimi 3 anni la presenza di bioplastiche compostabili nella raccolta degli scarti di cucina, la cui incidenza è più che triplicata, passando dalle circa 27.000 t/anno (espresse sul secco) dell’indagine del 2016/2017 alle circa 83.000 t/anno s.s. di quella del 2019/2020. Questo dato dimostra che i cittadini conferiscono correttamente i rifiuti compreso la plastica compostabile.