Caricabatterie unico, è scontro tra Apple e l’Ue

CARICABATTERIE

È scontro tra Apple e l’Unione Europea sul caricabatterie unico: la Commissione, lo sappiamo, vuole far diventare l’Usb-C obbligatorio per la ricarica di tutti i dispositivi elettronici. Una previsione che non piace ad Apple, l’unica azienda che utilizza il connettore Lightning e che, quindi, dovrebbe adattarsi alle nuove previsioni.

In un documento depositato presso la Commissione, l’azienda di Cupertino ha chiaramente affermato che “l’uso inappropriato degli standard soffoca l’innovazione e mina l’obiettivo di un’ampia interoperabilità”. Gli standard vengono aggiornati su base continuativa, nota l’azienda, ma “la procedura per l’aggiornamento del testo giuridico comporterà ritardi significativi nel portare innovazioni e miglioramenti al mercato europeo”.

Secondo, la proposta non consente di portare gli attuali modelli al fine vita. “La maggior parte dei prodotti ha lunghi cicli di sviluppo – si legge –. La modifica dei connettori ha un impatto significativo sulla progettazione del prodotto e sull’ecosistema, richiedendo sforzi pluriennali. Quando la proposta entrerà in vigore, solo i nuovi modelli con Usb-C saranno disponibili per l’acquisto da parte dei consumatori europei. Di conseguenza, i consumatori saranno privati della possibilità di acquistare modelli meno recenti compatibili con i loro accessori e caricabatterie, con conseguente obsolescenza precoce dei caricabatterie e degli accessori non Usb-C”.

Terzo e ultimo punto, le nuove regole disorienterebbero i consumatori. “I requisiti per un’etichetta fisica sulla confezione del prodotto non sono chiaramente definiti nella proposta e possono variare all’interno del mercato dell’Ue, il che creerà confusione tra i consumatori europei”, è la posizione di Cupertino.

L’iter della legge europea comunque è ancora lungo. Oltre a una porta unica prevede anche di uniformare la soluzione di ricarica rapida dei dispositivi (a cui i produttori potranno aggiungere anche uno standard proprietario) e di vendere i dispositivi senza caricabatterie (Cosa che molti già fanno). I prossimi passi prevedono che la proposta della Commissione venga adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio, presumibilmente nel 2022, e poi ci sarà un “periodo di transizione” di due anni per dare “all’industria tutto il tempo per adattarsi prima dell’entrata in vigore della legge”. Presumibilmente nel 2024.

 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente