La Francia promette meno pesticidi in Europa ma vuole salvare il glifosato

PESTICIDI

La Francia spingerà per “un’eliminazione accelerata dei pesticidi” a livello dell’Ue quando assumerà la presidenza di turno del Consiglio dell’Ue nel gennaio 2022. Lo ha dichiarato il presidente Emmanuel Macron che nel corso di una manifestazione pubblica ha rilasciato forti dichiarazioni sulla protezione della biodiversità, chiedendo un’eliminazione graduale dei pesticidi che può avere successo solo “a livello europeo”.

…e il glifosato?

C’è da chiedersi cosa sarà del glifosato, l’erbicida la cui autorizzazione d’uso è in scadenza, dal momento che il presidente Macron sembra non essere più a favore della sua messa al bando.

A livello nazionale, il presidente si è anche impegnato a eliminare gradualmente i pesticidi e la deforestazione importata.

“La Francia non si sta ancora muovendo abbastanza velocemente per ridurre l’uso di pesticidi” ha ammesso il presidente francese, osservando, tuttavia, che sarebbe sbagliato sottovalutare gli sforzi compiuti in tal senso dagli agricoltori francesi, che “vivono già così male della loro attività”.

Eliminare la dipendenza dai pesticidi richiede di costruire “un percorso insieme per proteggere i nostri suoli, ma anche le nostre attività agricole”, così come la ricerca e il sostegno agli agricoltori, ha aggiunto Macron.

“Quando troviamo sostituti non chimici, quando creiamo vitigni resistenti, quando modifichiamo utilmente gli organismi viventi, possiamo fare a meno dei pesticidi rimanendo competitivi”.

Fine della deforestazione importata

La stessa promessa è stata fatta riguardo alla deforestazione importata, che è generata dall’importazione di proteine ​​vegetali per l’alimentazione animale in Europa dai paesi sudamericani.

Per porre fine alla pratica, “dobbiamo riconquistare la nostra sovranità proteica“, ha affermato il presidente, ribadendo ancora quel successo – o quello che ha definito proteggere il clima e la biodiversità, riconquistando la sovranità alimentare e creando così posti di lavoro per il settore agroalimentare francese – potrebbe essere raggiunto solo a livello europeo.

“Dobbiamo ripensare le nostre politiche commerciali” a livello europeo e avere politiche che “incorporino clausole specchio su clima e biodiversità” ha affermato il presidente.