Protezione solare, la guida dell’Ewg boccia il 75% delle creme

PROTEZIONE SOLARE

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Anche quest’anno, l’Environmental Working Group ha pubblicato la sua quindicesima guida annuale ai filtri solari scoprendo che solo il 25% garantisce una protezione efficace. Quest’anno, i ricercatori di EWG hanno valutato la sicurezza e l’efficacia di oltre 1.800 prodotti che pubblicizzano la protezione solare – inclusi filtri solari ricreativi, prodotti SPF per uso quotidiano e balsami per labbra con SPF – e hanno scoperto che solo il 25% dei prodotti esaminati offre una protezione adeguata garantendo allo stesso tempo l’assenza di ingredienti preoccupanti come l’oxybenzone, un probabile interferente endocrino. Tra l’altro – sottolinea l’Ewg – la vendita della maggior parte delle creme solari statunitensi non sarebbe consentita in Europa dove gli standard di sicurezza sono più rigorosi.

A dir il vero, la percentuale di aziende che continuano ad utilizzare l’oxybenzone è diminuita: “Per 15 anni, EWG ha messo in guardia i consumatori sui rischi per la salute legati all’oxybenzone e ad altri ingredienti potenzialmente dannosi utilizzati nelle creme solari”, ha affermato Nneka Leiba, vice presidente EWG. “È gratificante continuare a vedere le aziende riformulare i loro prodotti SPF per allontanarsi da questi ingredienti preoccupanti”.

Oxybenzone da evitare

Nel dicembre 2020, il National Toxicology Program ha pubblicato uno studio sull’oxybenzone che ha sollevato preoccupazioni sul potenziale di effetti sulla salute a lungo termine, riscontrando un aumento del tasso di tumori della tiroide nelle femmine di ratto potenzialmente collegato all’esposizione. E alla fine di marzo, la Commissione europea, che esamina la sicurezza degli ingredienti in Europa, ha pubblicato un parere finale che riteneva l’oxybenzone non sicuro per l’uso ai livelli attuali. Stessa sorte per l’homosalate.

“Ancora una volta, il mercato della protezione solare 2021 è invaso da prodotti che utilizzano ingredienti potenzialmente dannosi e forniscono una scarsa protezione dai raggi UVA”, ha affermato Leiba. “La guida di EWG è uno degli unici strumenti disponibili per aiutare i consumatori a trovare prodotti che forniscono una protezione adeguata e sono realizzati senza ingredienti che possono rappresentare un problema per la salute.

“I filtri solari non miglioreranno sufficientemente fino a quando la Food and Drug Administration non stabilirà normative più severe, limiterà l’uso di sostanze chimiche nocive e approverà nuovi ingredienti attivi che offrono una protezione UVA e UVB più forte senza preoccuparsi di causare danni “.

Sì ai filtri minerali

Secondo l’Ewg la soluzione che garantisce adeguata protezione e assenza di ingredienti potenzialmente dannosi, è rivolgersi ai filtri solari minerali, ossido di zinco e biossido di titanio. L’ossido di zinco fornisce in particolare una buona protezione ad ampio spettro e protezione dai raggi UVA e UVB ed è stabile al sole. Sull’uso del biossido di titanio in Europa – lo ricordiamo – ci sono molte controindicazioni dal momento che è un possibile cancerogeno quando inalato (cosa che potrebbe avvenire, ad esempio, con gli spray).

“La maggior parte dei prodotti per la protezione solare venduti negli Stati Uniti non offre una protezione adeguata contro i raggi UVA e UVB”, ha affermato Carla Burns, analista senior di scienze della vita sana di EWG, che lavora alla Guida alla protezione solare. “Ma la buona notizia è che ci sono più di 400 prodotti SPF che soddisfano i nostri rigorosi standard.”

50+, serve?

Secondo il National Cancer Institute, il tasso di nuovi casi di melanoma tra gli adulti americani è triplicato dagli anni ’70, da 7,9 per 100.000 persone nel 1975 a 22,6 per 100.000 nel 2017. Sebbene le ragioni di questa tendenza non siano chiare, gli scienziati hanno stabilito che i fattori di rischio includono storia familiare, abbronzatura indoor, pelle chiara, lentiggini, nei, radiazioni ultraviolette e gravi scottature solari. All’inizio del 2019, la monografia sulla protezione solare proposta dalla FDA affermava che ci sono prove crescenti che collegano l’esposizione ai raggi UVA al cancro della pelle.

“Valori elevati di SPF sono un espediente di marketing che potrebbe portare a una sovraesposizione ai raggi nocivi”, ha affermato David Andrews, Ph.D., Senior Scientist di EWG, che lavora alla Guida alla protezione solare. “I numeri elevati di SPF incoraggiano l’uso improprio, ad esempio a non spalmare la crema più volte nel corso dell’esposizione al sole”.

Ecco alcuni suggerimenti per scegliere filtri solari migliori e stare al sicuro al sole:

  • Evita i prodotti con oxybenzone. Questa sostanza chimica viene assorbita attraverso la pelle grandi quantità e possono influenzare i livelli ormonali.
  • Stai lontano dalla vitamina A. Studi governativi collegano l’uso del palmitato di retinile, una forma di vitamina A, alla formazione di tumori e lesioni cutanee quando viene applicato sulla pelle esposta al sole.
  • Evita le creme solari con valori di SPF superiori a 50+, che potrebbero non fornire una maggiore protezione dai raggi UVA e indurre le persone a pensare di essere al sicuro dai danni del sole.
  • Evita gli spray. Questi prodotti popolari rendono difficile applicare uno strato spesso e uniforme sulla pelle. Pongono anche problemi di inalazione.
  • Evita l’esposizione solare intensa durante le ore di punta dalle 10:00 alle 16:00.