I pesticidi accelerano la diffusione di patogeni nell’acqua. Lo studio

glifosato acqua

L’uso diffuso di pesticidi, come i comuni glifosato e clorpirifos, accelerano la trasmissione di microrganismi patogeni nell’acqua, in particolare quelli responsabili della schistosomiasi malattia debilitante, nota anche come febbre della lumaca. A questa conclusione è arrivato un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della California, Berkeley.

La schistosomiasi è causata da vermi parassiti che si sviluppano e si moltiplicano all’interno delle lumache d’acqua dolce e vengono trasmessi attraverso il contatto con acqua contaminata. L’infezione, che può causare danni permanenti al fegato e ai reni, colpisce ogni anno centinaia di milioni di persone ed è seconda solo alla malaria tra le malattie parassitarie, in termini di impatto globale sulla salute umana. Lo studio, pubblicato nell’edizione di luglio della rivista Lancet Planetary Health, ha scoperto che i prodotti agrochimici possono aumentare la trasmissione del verme scistosoma in diversi modi.

“Gli inquinanti ambientali possono aumentare la nostra esposizione e suscettibilità alle malattie infettive“, ha dichiarato Justin Remais, presidente della Divisione di Scienze della salute ambientale presso la UC Berkeley School of Public Health e autore senior dello studio. “Dalle diossine che riducono la resistenza al virus dell’influenza, agli inquinanti atmosferici che aumentano la mortalità per Covid-19, all’arsenico che colpisce il tratto respiratorio inferiore e le infezioni enteriche – la ricerca ha dimostrato che ridurre l’inquinamento è un modo importante per proteggere le popolazioni dalle malattie infettive”.

Dopo aver esaminato quasi 1.000 studi raccolti in una revisione sistematica della letteratura, il team di ricerca ha identificato 144 esperimenti che hanno fornito dati che collegano le concentrazioni agrochimiche ai componenti del ciclo di vita dello scistosoma. Hanno quindi incorporato questi dati in un modello matematico che cattura la dinamica di trasmissione del parassita. Il modello simula le concentrazioni di comuni prodotti chimici per l’agricoltura dopo la loro applicazione ai campi agricoli e stima gli impatti che ne derivano sulle infezioni nella popolazione umana vicina.

I ricercatori hanno scoperto che anche basse concentrazioni di pesticidi comuni – tra cui atrazina, glifosato e clorpirifos – possono aumentare le velocità di trasmissione e interferire con gli sforzi per controllare la schistosomiasi. L’amplificazione agrochimica della trasmissione del parassita non era irrilevante. Nelle comunità di studio nel bacino del fiume Senegal nell’Africa occidentale, l’eccesso di carico di malattia attribuibile all’inquinamento agrochimico era alla pari con la malattia causata dall’esposizione al piombo, alte diete di sodio e bassa attività fisica.