Ciglia finte ma di visone, Sephora promette di non venderle più

ciglia finte

Sephora ha promesso di smettere di vendere ciglia finte fatte di pelliccia di visone. Il rivenditore di prodotti di bellezza ha confermato che eliminerà gradualmente le rimanenti scorte di ciglia di visone e acquisterà solo ciglia sintetiche o in pelliccia sintetica.

La decisione di Sephora di vietare le ciglia, che sono fatte dalla morbida pelliccia dei piccoli mammiferi, segue una campagna PETA che ha condannato il cattivo trattamento degli animali in gabbia negli allevamenti di pellicce.

“A seguito di una campagna PETA e di e-mail da oltre 280.000 acquirenti interessati, Sephora ha confermato di aver vietato le ciglia in pelliccia di visone e acquisterà solo ciglia sintetiche o in pelliccia sintetica in futuro”, si legge in una nota di PETA.

“La pelliccia di visone proviene in genere da allevamenti di pellicce, dove i visoni stressati si muovono freneticamente e si muovono all’infinito all’interno di gabbie di filo angusto e molti languiscono per infezioni o arti rotti o deformi” ha precisato l’organizzazione.

In una dichiarazione, Sephora ha confermato di aver già iniziato il 2020 con l’intenzione di eliminare gradualmente le ciglia di visone dal suo magazzino. L’auspicio di PETA è che altri grandi marchi di cosmesi seguano l’esempio di Sephora eliminando gradualmente dalla loro lista di prodotti le ciglia finte fatte con la pelliccia di visone.