Listeria, richiamato un lotto di salmone norvegese affumicato

Salmone listeria

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di salmone affumicato in vendita a marchio Vegè e Starlaks per la presenza di listeria. Si tratta del lotto 619NI2010D2205 (scadenza 6 luglio 2020) venduto nella confezioni da 100 grammi e prodotto da Starlaks Italia, via Per cilavegna  13 Borgolavezzaro (NO). Il consiglio è quello di non consumare il prodotto ma di riportarlo al punto vendita per il rimborso.

Che cos’è l’infezione da listeria?

L’infezione da listeria si può rilevare anche in un’ampia varietà di cibi crudi, come carni non ben cotte e verdure crude, prodotti lattiero-caseari preparati con latte non pastorizzato. Come la maggior parte dei batteri, viene eliminata dai processi di pastorizzazione e cottura. L’infezione può manifestarsi sotto due forme:

  • la forma tipica delle tossinfezioni alimentari, che si manifesta nel giro di poche ore dall’ingestione, che provoca diarrea;
  • la forma invasiva, detta anche “sistemica“, che dall’intestino passa nel sangue e si diffonde nell’organismo, arrivando al sistema nervoso, dando vita a encefaliti e meningiti e forme acute di sepsi. In questo secondo caso tra l’ingestione del cibo contaminato e la manifestazione dei sintomi può passareun mese (ma in alcuni casi si può arrivare anche a tre mesi).

Quali sono i sintomi dell’infezione da listeria?

I sintomi dell’infezione da listeria sono simili a quelli di altre malattie provocate da alimenti contaminati:

  • febbre;
  • nausea;
  • diarrea;
  • dolori muscolari.

Emicranieconfusione, irrigidimento del collo e perdita dell’equilibrio sono invece i sintomi della listeriosi quando si diffonde al sistema nervoso.