La giungla delle soluzioni idroalcoliche contro il coronavirus

È la misura più efficace per non infettarsi con il coronavirus, assieme al distanziamento. Lavarsi le mani, se possibile con acqua e sapone altrimenti con un gel idroalcolico può davvero salvare la vita. A patto di orientarsi in un mercato che – oramai a caro prezzo – propone davvero di tutto e in cui è difficile orientarsi. Ne abbiamo scritto parecchio sul Salvagente, ma ora se ne accorgono anche in Francia dove un’accurata inchiesta di France television ha scoperto che non tutti i prodotti che puntano su questo enorme mercato della sanificazione delle mani hanno la stessa efficacia. Senza che il consumatore sia sempre in grado di vedere chiaramente sulle etichette.

“Antibatterico”, “detergente” o “disinfettante” … le diciture presenti sulle etichette di gel idroalcolico sono spesso le uniche indicazioni disponibili per il consumatore. Tuttavia, queste denominazioni riguardano tipi di prodotti con un’efficacia molto diversa nella lotta contro Covid-19, ha spiegato a franceinfo la Direzione generale per la concorrenza, il consumo e la repressione delle frodi transalpina (DGCCRF).

 

Da un lato, i biocidi, la cui azione è disinfettante. Alcuni sono efficaci contro funghi o batteri, altri hanno un’azione più ampia che comprende anche i virus. Quest’ultimi possono essere identificati dalla norma EN14476 o, in mancanza, dalla “concentrazione alcolica ottimale, tra il 60% e il 70%”. Dall’altro lato ci sono prodotti cosmetici, la cui funzione è soprattutto la pulizia. Nel mezzo di una pandemia, questi gel idroalcolici per quanto inattivi contro il coronavirus sono stati venduti assieme agli altri.

È il caso di alcune bottiglie di gel del marchio Symex, la cui bottiglia indica “disinfettante per le mani” (“disinfettante per le mani” e “disinfezione delle mani”), in vendita in diverse farmacie parigine all’inizio di marzo. Avvisato da alcuni dipendenti dell’etichettatura minimalista del prodotto, France Télévisions (a cui appartiene Franceinfo.fr), che aveva fornito il gel Symex per proteggere i suoi team, ha fatto testare il prodotto in laboratorio. Risultato: diverse bottiglie di gel contenevano solo il 27% di alcol, lontano dalla soglia di efficacia contro il virus.

Il caso di Symex non è isolato. Franceinfo ha trovato nelle farmacie francesi Well & Well un “gel antibatterico” con fragole, prodotto in Cina. Al telefono, Well & Well ha assicurato ai colleghi francesi che questo gel è virucida. Ma quando gli hanno chiesto di vedere il file tecnico, hanno ricevuto la scheda di… un’altra marca.

E non è che nei supermercati sia andata meglio: il “gel mani idroalcolico” dell’etichetta Cien Med, prodotto in Germania dalla società Mann & Schroeder, viene venduto da Lidl senza un’indicazione precisa della sua composizione. Il produttore tedesco, interpellato ha promesso che una formula rivista del prodotto, contenente almeno il 60% di alcol, sarà presto disponibile nei negozi, senza indicare se anche la vecchia formula soddisfa questo criterio.

La confusione tra gel biocidi e cosmetici non risparmia quasi nessuno. Sul flacone da 100 ml del marchio Coslys, le parole “gel idroalcolico” appaiono in grande. Quando consulti la scheda tecnica, apprendi però che si tratta di un “prodotto di igiene cosmetica”, “non classificato come disinfettante secondo la direttiva sui biocidi”. “Per il consumatore, è complicato orientarsi”, ammette Samuel Gabory, direttore del laboratorio di produzione Coslys, contattato da franceinfo.

Testare i gel già sul mercato è una delle missioni di 2.500 investigatori di repressione delle frodi francese. Per i “prodotti cosmetici”, che contengono quindi meno del 60% di alcol nella loro composizione, “l’idea è quella di verificare che non vi siano indicazioni commerciali fuorvianti come le indicazioni” stop Covid-19 ” o “stop coronavirus” “, specifica la DGCCRF. Pertanto “ha chiesto ad alcuni produttori di eliminare ogni possibile ambiguità nella formulazione del loro prodotto” e ha “rimosso diverse migliaia di annunci Internet” che potrebbero creare confusione sulla natura dei prodotti. Per quanto riguarda “i gel idroalcolici che hanno un’azione rivendicata contro il virus, dobbiamo controllare l’etichettatura, ma se abbiamo dubbi, possiamo prelevare campioni”, specifica la repressione frodi d’Oltralpe.

Questo è ciò che è accaduto con la soluzione idroalcolica Vectoral. Questo laboratorio, situato nell’Alta Loira, specializzato in prodotti a base di argento colloidale, una soluzione con proprietà antimicrobiche ma con il rischio di effetti collaterali. Dopo un controllo, all’inizio di aprile, della repressione delle frodi del dipartimento, si è aperta un’indagine per “l’inganno sulla qualità di un prodotto e mettendo in pericolo la vita degli altri”. “Le analisi effettuate hanno dimostrato che [la soluzione Vector Energy] ha una concentrazione di etanolo molto inferiore al minimo richiesto del 60%”, sottolinea Nicolas Rigot-Muller, pubblico ministero di Puy-en-Velay.

Come avere certezze anche al di qua delle Alpi sui prodotti a cui affidiamo la nostra salute? Più che fidarsi  delle tante parole in etichetta converrà cercare due indicazioni chiave:

  • La norma EN 14476 indicata sull’etichetta
  • L’assicurazione “contiene almeno il 60% di alcol o una concentrazione compresa tra 520 e 630 mg/g”