Lavatrici che igienizzano con la funzione vapore? “Ma mi faccia il piacere!”

Igienizzano con la forza del vapore. Di questi tempi come si fa a resistere alle promesse di una delle nuove (e costose) lavatrici che sfruttano il vapore? Le propongono un po’ tutti i marchi principali, ma non le troverete tra i modelli più economici, ma solo tra i cosiddetti “top di gamma”.

Ha senso investire i propri soldi su questi elettrodomestici, nel malaugurato caso che ci si guasti la vecchia lavatrice? È la domanda che si è fatta Consumer Reports e per rispondere ha messo alla prova decine di modelli raccogliendo e confrontando i risultati delle analisi di laboratorio.

“L’opzione è abbinata ad altre funzionalità, come i cicli speciali o il WiFi”, mette in guardia Mark Allwood, un analista di mercato senior che si occupa di questi tipi di elettrodomestici per Consumer Reports. Aggiungendo: “Quindi, se vuoi una lavatrice con la funzione vapore, dovrai pagare per l’intero set di funzionalità aggiuntive”.

Piccole furbizie  del marketing… ma per capire se il vapore sia davvero utile nei nostri cicli di lavaggio la rivista non si è fidata delle pubblicità, ma ha scelto di verificare in laboratorio.

I risultati? “L’opzione vapore non ha migliorato la capacità di pulizia di una lavatrice”, afferma Rich Handel, che supervisiona i test sugli apparecchi per la lavanderia in Consumer Reports.

I produttori adottano approcci diversi per creare vapore. Ma “la maggior parte delle lavatrici a vapore ha una resistenza interna che riscalda l’acqua e inietta questa nebbiolina di vapore nella vasca”, ha spiegato a CR David Wilson, direttore commerciale senior per la cura dei vestiti presso GE Appliances.

In genere, l’opzione vapore è disponibile quando si utilizza il normale ciclo di lavaggio di una lavatrice, sebbene alcuni modelli lo consentano anche per altri cicli. LG, per esempio, usa anche il vapore per il suo ciclo di pulizia della vasca, che – sostiene – riduce l’accumulo di residui, muffe e odori.

“Se ti stai chiedendo se il vapore uccide il coronavirus, non abbiamo visto prove. Ma Jaimie Meyer, specialista in malattie infettive di Yale Medicine, suggerisce di seguire le linee guida dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per lavare il bucato di coloro che hanno COVID-19: utilizzare il detersivo per bucato e l’acqua più calda consentita per quei tessuti e asciugare completamente”, scrive Consumer Reports

Ma almeno il vapore pulisce meglio il nostro bucato?

“La rimozione delle macchie era pressoché uguale con o senza vapore”, afferma Handel. “Ma l’opzione vapore ha fatto sì che la maggior parte delle macchine consumasse più acqua e tutte consumassero più energia.”

L’uso della funzione vapore ha infatti prolungato notevolmente i tempi del ciclo di lavaggio, raddoppiandolo in un caso. Ancora peggio, ha aumentato il consumo di acqua di quasi 70° litri e il consumo di energia di quasi il 600 percento, cancellando anni di incrementi di efficienza fatti da questo settore.

Jim Nanni, responsabile dei test sugli elettrodomestici presso Consumer Reports, osserva che una delle possibili ragioni per cui il vapore ha scarso effetto sulla pulizia è che il bucato è saturo di acqua o immerso in esso, dunque qualsiasi effetto che il vapore può avere sulla pulizia è ridotto al minimo o addirittura azzerato. Inoltre, il vapore probabilmente non viene erogato a una temperatura sufficientemente elevata per aiutare a rimuovere le macchie.

“In molti casi, il vapore erogato sul carico di biancheria non è così caldo come il vapore che sale, per esempio, da una pentola di acqua bollente o che emana dal ferro da stiro”, afferma Nanni.