Il 6 aprile il vostro Gps potrebbero smettere di funzionare (lo dicono i produttori stessi)

La storia ricorda il famigerato millennium bug, il blocco dei dispositivi informatici con l’arrivo del 2000, poi rivelatosi una bufala, ma in questo caso a muovere dei dubbi sono gli stessi produttori: Un aggiornamento di un contatore utilizzato dai dispositivi gps potrebbe portare a problemi, in grado di interromperne il funzionamento corretto il 6 aprile 2019. A raccontarlo è il giornale Franceinfo, richiamando i dubbi girati in diversi siti di consumatori e automobilisti che hanno effettivamente trasmesso il timore di un “bug 6 aprile”. Il ripristino di un contatore usato dai dispositivi di navigazione quel giorno potrebbe effettivamente causare “malfunzionamenti”, spiega a franceinfo Vincent Martinier, direttore marketing del produttore di GPS TomTom e Frédéric Saint-Etienne, direttore di comunicazione con il suo concorrente Garmin.

Resettare ogni 1024 settimane

Il calendario utilizzato dal sistema Gps ha una “limitazione tecnica”, dice il primo: non può andare oltre le 1024 settimane, il che richiede,  affinche data e ora continuino ad essere visualizzati, il reset del dispositivo ogni 19 anni. Data l’invenzione relativamente recente del GPS, accadde una volta: il 20 agosto 1999. Ma “all’epoca l’applicazione del GPS era professionale o militare e quindi non riguardava il grande pubblico “, ricorda Vincent Martinier.

Solo un problema di data? No

In mancanza di aggiornamento in anticipo, sia i box GPS che i dispositivi embedded potrebbero perdere “funzioni relative all’orologio come il tempo necessario e il calcolo dell’ora di arrivo”, afferma Vincent Martinier. Ma i malfunzionamenti potrebbero anche influenzare “alcune delle funzioni di navigazione e dei relativi servizi”, ha affermato Vincent Martinier. Perché la data del GPS non è solo una questione di comfort per l’utente: consente al sistema satellitare di calcolare la posizione del veicolo. Frédéric de Saint-Etienne, Garmin, invece è più rassicurante: il bug “non interferirà con la posizione”.

Il bug solo nei dispositivi più vecchi

Fortunatamente i dispositivi più recenti non dovrebbero riscontrare alcun problema. Con alcuni GPS di nuova generazione, il problema viene respinto: l’aggiornamento è richiesto ogni 150 anni, non ogni 19 anni. I dispositivi recenti – venduti da due o tre anni su TomTom – sono stati anche commercializzati con la patch già installata. E coloro che possono connettersi al wifi, come nel caso dei dispositivi Garmin degli ultimi due anni, vedranno il loro terminale aggiornarsi automaticamente. In più, chi ha aggiornato le mappe del TomTom GPS “negli ultimi mesi”, ha di sicuro installato un aggiornamento per evitare problemi.

Aggiornamenti disponibili online (ma non per tutti)

Franceinfo aggiunge: “Per sapere se sei interessato, ti consigliamo di collegarti al sito web del produttore del tuo GPS con il tuo numero di serie. La procedura sarà indicata lì. Solitamente sarà sufficiente collegare il GPS tramite USB al computer per risincronizzare il dispositivo, come nel caso di un aggiornamento delle mappe GPS. Se si dispone di un GPS di bordo, è necessario scaricare l’aggiornamento su una chiavetta USB e collegarlo al dispositivo”. TomTom offrirà ai proprietari di “più di dieci anni”, per i quali questo aggiornamento non è tecnicamente possibile, uno “sconto eccezionale del 30%”sui GPS più recenti. Una soluzione incomprensibile, che per quanto ci riguarda sembra rientrare nei casi di obsolescenza programmata (se il produttore trova un difetto, dovrebbe risolvere il problema a tutti senza spingerli a comprare un nuovo modello). Garmin, invece, garantisce che venga fornita una “soluzione tecnica” a tutti i clienti, ma ritiene che i GPS che sono troppo vecchi per essere aggiornati riguardino “appena lo 0,5% del parco”.