Carne di cavallo nelle lasagne Findus: dopo 6 anni si apre il processo

Nel 2013 lo scandalo della carne equina finita impropriamente nelle lasagne Findus aveva tenuto banco nei media di tutta Europa, adesso in Francia si apre il processo per quei fatti. A riportarlo è l’associazione di consumatori Que Choisir, che si è costituita partito civile a gennaio, sulla base dell’attacco all’interesse collettivo del consumatore.

La ricostruzione dei fatti

Que Choisir ricostruisce la filiera. Il caso della “lasagna dei cavalli” scoppia in Irlanda nel gennaio 2013, quando le autorità sanitarie britanniche  analizzano le bistecche vendute nei supermercati analizzati. Con grande sorpresa scoprono che invece di manzo, si tratta di carne di cavallo. Lo scandalo assume rapidamente una dimensione europea, quando il gigante alimentare svedese Findus controlla la sua lasagna alla bolognese, che sembra contenere anche carne di cavallo. Le lamentele sono passate al suo fornitore francese, Comigel (da allora CookUp Solutions). Quest’ultimo si rivolge alla consociata lussemburghese Tavola, che a sua volta mette in discussione il proprio fornitore, la società francese Spanghero (all’epoca controllata della cooperativa agricola Lur Berri). Gli investigatori della repressione delle frodi (DGCCRF) rivelano poi una complessa rete che porta dalla Romania al Lussemburgo, passando per i Paesi Bassi, Cipro e Francia. Di certo c’è che nell’arco di un anno, da febbraio 2012 a febbraio 2013, più di 750 tonnellate di carne hanno cambiato le specie dalla loro partenza dalla Romania alla loro trasformazione in vari piatti preparati. I cavalli erano stati macellati in Romania e poi spediti nei depositi frigoriferi della società commerciale Windmeijer Meat Trading nei Paesi Bassi. Poi la carne passa sotto la proprietà di Draap Trading, una società gestita anche da un commerciante olandese domiciliata a Cipro. Alla fine, viene consegnata a Spanghero, a Castelnaudary (Aude). È qui che il cambiamento di natura e nazionalità sembra si sia realizzato: basta sostituire le etichette sui lotti, e il trucco è fatto: “il cavallo rumeno è diventato manzo francese”, scrive Que Choisir.

I paesi interessati

Delle 750 tonnellate, due terzi sono stati venduti a Tavola e il rimanente terzo è stato utilizzato da Spanghero per le proprie costruzioni. I piatti elaborati come la lasagna, la torta di pastore, la moussaka, ecc., Erano destinati a clienti diversi, come Comigel. Quest’ultimo, a sua volta, ha fornito molti clienti, come Findus o William Saurin, ma anche distributori Carrefour, Casino, Système U, Cora, Auchan, Monoprix, Aldi e Picard in diversi paesi europei. Sono stati consegnati circa 4,5 milioni di prodotti in tredici paesi, tra cui Regno Unito, Irlanda, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Svezia e Norvegia.

Gli indagati

Nel caso Spanghero, quattro persone sono ora perseguite penalmente per “frode organizzata di bande” e per “inganno sulla natura, la qualità sostanziale, l’origine e la quantità” della carne: l’ex leader di Spanghero Jacques Poujol, il suo direttore Patrice Monguillon, così come due commercianti olandesi, Johannès Fasen (società Draap Trading) e Hendricus Windmeijer (società Windmeijer Meat Trading BV).La società Draap era già stata bloccata per aver venduto carne di cavallo come carne di manzo halal.

Etichettatura dell’origine (ma solo in Francia)

Dopo lo scandalo, la Francia ha ottenuto l’introduzione dell’etichettatura a titolo sperimentale da gennaio 2017 (questo test è stato prorogato fino al 31 marzo 2020): l’origine della carne nei prodotti trasformati contenenti oltre l’8% di la carne, o il latte contenuto in latticini contenenti più del 50% di latte, deve essere indicato sulla confezione.