Otite, sinusite, eczema, e le altre malattie per cui gli antibiotici sono inutili

Circa un terzo degli antibiotici prescritti negli uffici dei medici non sono necessari. A dirlo è un rapporto del Centers for Disease Control and Prevention, l’istituto di prevenzione dalle malattie Usa, che ha pubblicato una guida in cui smonta i luoghi comuni relativi all’utilizzo sbagliato di questi medicinali, che se usati male oltre a non servire allo scopo possono causare seri effetti collaterali, come ricordato anche durante la giornata europea degli antibiotici. A meno che l’infezione non sia causata da batteri, che in genere non è il caso, i farmaci non avranno alcun effetto. Come spiega Laurie Hicks, D.O., un’epidemiologia medica e capo del programma CDC Get Smart: Know When Antibiotics Work, “Aumenta il rischio di sviluppare un’infezione resistente agli antibiotici più antibiotici prendi”. Per evitare assunzioni inutili di antibiotici, ecco alcune categorie di malattie per cui è quasi sempre inutile usarli, indicate dal CDC.

1. Infezioni respiratorie

Il raffreddore, l’influenza e la maggior parte delle altre infezioni respiratorie sono causate da virus, che generalmente non possono essere eliminati dagli antibiotici. La bronchite è solitamente causata da un virus o da una sostanza irritante nell’aria, come il fumo di sigaretta. La maggior parte delle gole irritate ha origine virale. Per queste infezioni virali, saltare gli antibiotici e alleviare i sintomi bevendo molti liquidi, respirando aria umida, gargarismi con acqua salata e prendendo acetaminofene (Tylenol e generico) o ibuprofene (Advil e generico). Circa uno su 10 mal di gola è dovuto allo streptococco, un’infezione batterica che può essere trattata con antibiotici, dice Hicks. Rivolgersi al dottore in caso di segni come un mal di gola che si manifesta all’improvviso, accompagnato da una febbre ma senza tosse, linfonodi ingrossati nella parte anteriore del collo, tonsille gonfie o minuscole rosse punti sul tetto della bocca. Lui può fare un test rapido streptococco per diagnosticare la condizione.

2. Sinusite

La sinusite, che può provocare un naso chiuso o che cola e il dolore del viso, è quasi sempre causata da un virus. Anche quando i batteri sono la causa, queste infezioni di solito si risolvono da sole in circa una settimana. Per sciogliere il muco e aiutarlo a drenare, bevi liquidi caldi; respira aria calda e umida; e tieni la testa appoggiata quando ti corichi. Considera gli antibiotici solo se sei ancora malato dopo 10 giorni, se guarisci di nuovo e poi di peggio, o se hai febbre alta e muco denso e colorato per tre o più giorni consecutivi.

3. Infezioni dell’orecchio

La maggior parte delle infezioni dell’orecchio migliora da sola in due o tre giorni, specialmente nei bambini di età pari o superiore ai 2 anni. Meglio dare al tuo bambino antidolorifici da banco per alcuni giorni ed evitare gli antibiotici. Vai da un dottore se i sintomi non sono migliori in due o tre giorni o se peggiorano. Secondo l’American Academy of Family Physicians, meglio ricorrere agli antibiotici subito per i bambini di 6 mesi o più giovani, per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni che soffrono di dolore all’orecchio da moderato a severo, e per i bambini di età pari o superiore a 2 anni con grave dolore.

4. Congiuntivite

La congiuntivite è solitamente causata da un virus o un’allergia, quindi gli antibiotici non saranno di aiuto. Anche quella batterica di solito scompare da solo entro 10 giorni. Meglio lenire i sintomi con un impacco pulito, fresco e umido. In caso derivi da allergie ci si può aiutere con collirio antistaminico. Gli antibiotici vanno presi, nel caso di congiuntivite batterica, se si dispone di un sistema immunitario debole, se la condizione non migliora in una settimana senza trattamento, o se l’occhio è molto gonfio o dolorante o sviluppa una scarica spessa e simile a prurito.

5. Infezioni del tratto urinario nelle persone anziane

Gli antibiotici sono utili nel trattamento delle infezioni del tratto urinario. Ma a volte gli adulti più anziani sono trattati dopo un esame delle urine di routine che rivela batteri, anche se non stanno vivendo sintomi. “Negli anziani non è raro scoprire che i batteri vivono nella vescica, ma non necessariamente causano un’infezione”, dice Hicks. Meglio prendere in considerazione gli antibiotici solo quando sono presenti anche sintomi di infezione, come dolore o bruciore durante la minzione o un forte desiderio di andare spesso.

6. Eczema

I medici possono provare a controllare l’eczema, che provoca secchezza, prurito, pelle rossa, con antibiotici. Ma gli antibiotici non aiuteranno con prurito e arrossamento. Per facilitare l’eczema, idratare regolarmente la pelle ed evitare i meccanismi di innesco, che variano da persona a persona. Chiedi al tuo medico di una crema o un unguento medicato per alleviare il prurito e il gonfiore. Considera gli antibiotici solo se mostri segni di un’infezione batterica, come dossi pieni di pus, croste color miele, pelle molto rossa o calda o febbre.