Piume d’oca o animal free: 6 dritte per scegliere il piumone migliore

Ci siamo. Il freddo è alle porte e per molti è l’occasione di pensare alle coltri invernali. In qualche caso è questo anche il momento di prevedere l’acquisto di un piumone. Quale scegliere? Come orientarsi tra i tanti modelli offerti a prezzi anche molto differenti nei negozi? Tediber, l’azienda che produce i materassi che il Salvagente aveva messo alla prova in un “provato per voi” e che realizza anche piumoni, ha stilato una serie di consigli. Vediamoli, assieme a quelli che fanno parte del nostro bagaglio pluriennale di esami.

• L’imbottitura: innanzitutto occorre fare la distinzione tra imbottitura naturale e imbottitura sintetica.
I piumini con un’imbottitura naturale sono più leggeri, più soffici e sono considerati più caldi. Lasciano traspirare meglio l’umidità rispetto ai piumini sintetici e sono spesso realizzati con piume e piumino d’oca. Una delle note dolenti è il prezzo, questi piumini sono, infatti, più cari dei piumini sintetici. Tuttavia, hanno una durata di vita media di 10/15 anni.
Ma la piuma d’oca non è l’unica imbottitura capace di difenderci dal freddo. È la conclusione cui è giunta la Lav alla luce delle analisi fisiche su tre prodotti condotte dal laboratorio Centrocot – Centro Tessile e Cotoniero di Busto Arsizio (Va), il primo laboratorio in Italia ad avere messo a punto un servizio mirato alla valutazione del grado di confortevolezza offerto da un tessuto. L’alternativa animal-free è l’imbottitura sintetica è realizzata in genere a base di fibre di poliestere. Esistono diversi tipi di fibre sintetiche, con forme e caratteristiche diverse. Le fibre di silicone non lasciano passare l’aria, il che permette un ottimo isolamento termico. La microfibra è un materiale più caldo e più comodo rispetto alle altre fibre e fa sì che il piumino risulti quasi gonfio come un piumino dall’imbottitura naturale. I piumini sintetici hanno sicuramente un miglior rapporto qualità-prezzo rispetto ai piumini naturali, ma la loro durata di vita non è la stessa: 5 anni in media.

• La grammatura: questa caratteristica permette di farsi un’idea sul calore e sulla capacità del piumino di essere gonfio, va da 175 a 500g/m2. La densità che sceglierete dipenderà dalla temperatura della stanza. I piumini leggeri (tra 175 e 250g/m2) sono adatti a una temperatura tra i 18 e 22°, i piumini medi (tra 300 e 350 g/m2) sono adatti per una temperatura compresa tra i 15 e 18° ed i piumini caldi (tra 400 e 500 g/m2) sono consigliati per le camere non riscaldate, tra i 15° o meno. Esistono anche piumini “quattrostagioni”. Sono composti da due piumini che si uniscono l’uno all’altro, uno sottile per l’estate e uno medio per le mezze stagioni. Nei mesi molto freddi è possibile utilizzarli insieme. Un buon compromesso per dormire bene tutto l’anno.

• Il rivestimento: è un elemento molto importante del piumino. Il suo ruolo è quello di impedire al piumino o alla microfibra di uscire dal piumino. Un rivestimento in cotone permetterà al piumino di far passare correttamente l’aria e di non trattenere l’umidità. Se avete optato per un piumino naturale, un rivestimento in percalle di cotone calzerà alla perfezione.

• Le cuciture: queste impediscono al calore di dissiparsi e sono quindi altrettanto essenziali. Per i piumini naturali si raccomanda una cucitura a quadri fissi: renderà l’imbottitura perfettamente omogenea. Per i piumini sintetici meglio optare per la trapuntatura a cassettoni: garantirà una miglior termoregolazione e manterrà il piumino più gonfio.

• La manutenzione: il vostro piumino dev’essere lavato una o due volte all’anno a seconda delle raccomandazioni della casa produttrice. Normalmente sono tutti lavabili in lavatrice, tuttavia bisogna ricordarsi di utilizzare poco detersivo e di non utilizzare l’ammorbidente. È anche possibile asciugare il piumino in asciugatrice. Trucchetto per i piumini naturali: mettete una pallina da tennis nella lavatrice insieme al piumino: garantirà una perfetta asciugatura. La differenza di manutenzione tra un piumino naturale e un piumino sintetico? I piumini sintetici si asciugano molto più velocemente.

• Le dimensioni: per essere sicuri che il vostro partner non si accaparri tutta la coperta nel bel mezzo della notte o semplicemente per essere ben coperti se dormite da soli, il vostro piumino deve avere un margine di 30-50 cm per ogni lato del letto. Ecco perché occorre scegliere il piumino in base alla misura del materasso. Per un matrimoniale standard servirà, ad esempio, un piumone matrimoniale di almeno 250×200 cm e, ovviamente, un copripiumino matrimoniale equivalente.