Brasile, aumentano le diagnosi di cancro al colon. La causa? I pesticidi

L’aumento dell’uso di pesticidi agricoli in Brasile ha comportato un aumento significato del cancro al colon retto. E’ quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Chemosphere secondo cui la rapida industrializzazione del settore agricol brasiliano è avvenuto con un costo troppo alto per la salute dei residenti, in particolare quelli che abitano le regioni meridionali.

L’industria agricola brasiliana è cresciuta negli ultimi due decenni, diventando il principale consumatore mondiale di pesticidi. Nel 2000, nel paese sono stati utilizzati circa 160 milioni di tonnellate di pesticidi. Entro il 2012, tale numero ha raggiunto quasi i 500 milioni di tonnellate. Contestualmente, i decessi per cancro del colon registrati nel paese sono aumentati da circa 950.000 nel 2000 a oltre un milione entro il 2012. Utilizzando una serie di modelli statistici, i ricercatori hanno dimostrato che con l’aumento della quantità di pesticidi venduti nel paese è aumetato il numero di persone che hanno ricevuto una diagnosi di cancro al colon.

Nell’analisi sono stati inclusi in totale 56.813 applicatori di pesticidi senza precedenti di carcinoma del colon-retto. L’esposizione dettagliata ai pesticidi e altre informazioni sono state ottenute da questionari auto-somministrati completati al momento dell’iscrizione (1993-1997). L’incidenza del cancro è stata determinata attraverso registri di cancro basati sulla popolazione dall’arruolamento fino al 31 dicembre 2002. Un totale di 305 tumori del colon-retto incidente (212 colon, 93 retto) sono stati diagnosticati durante il periodo di studio, 1993-2002. Sebbene la maggior parte dei 50 pesticidi studiati non fossero associati al rischio di cancro del colon-retto, l’uso di clorpirifos ha mostrato un significativo trend di risposta all’esposizione (p for trend = 0,008) per il cancro del retto, salendo a 2,7 volte (intervallo di confidenza al 95%: 1,2-6,4) aumento del rischio nella categoria di esposizione più elevata. L’aldicarb è stato associato ad un rischio significativamente maggiore di cancro del colon (p for trend = 0,001), basato su un numero limitato di casi esposti, con la categoria di esposizione più elevata con un rischio aumentato di 4,1 volte (intervallo di confidenza al 95%: 1,3- 12.8).