Raffreddore e tosse, gli oli essenziali sono davvero efficaci e senza rischi?

Il freddo sembra essere arrivato e con esso raffreddori, febbre e mal di gola. Tra i rimedi per curarli, sempre più persone ricorrono all’aromaterapia credendo che sia priva di effetti collaterali. Nulla di più sbagliato. “La denominazione di” prodotti naturali “porta a una banalizzazione dell’uso degli oli essenziali, che sono tuttavia concentrati attivi di piante e non dovrebbero essere presi senza precauzioni”, si legge sulla rivista scientifica Sciences et Avenir. Proprio per questo motivo, l’Agenzia francese per la sicurezza dei farmaci ha messo in guardia i consumatori sui possibili rischi di un uso sconsiderato di oli essenziali.

Cosa sono gli oli essenziali?

Nelle sue raccomandazioni relative ai criteri di qualità degli olii essenziali, l’Ansm li definisce come segue: sono un “prodotto fragrante, generalmente di composizione complessa, ottenuto da una materia vegetale definita botanicamente, o mediante addestramento a vapore, mediante distillazione a secco o con un processo meccanico adatto senza riscaldamento . In altre parole, si tratta di un concentrato in forma liquida, estratto dalle foglie, dai fiori, dalla corteccia o dalla scorza delle piante, racchiuso in una bottiglietta. Esistono più di 500 tipi di oli essenziali.

Sono efficaci per guarire?

Per Jean-Pierre Willem, un medico francese intervistato da France.info, la domanda non si pone nemmeno. Alcuni oli essenziali hanno davvero proprietà benefiche: sono, infatti, antiallergico, lenitivo, anti-infettivo, espettorante, antimicotico e anti-infiammatorio. Ma non possiamo considerarli una panacea per patologie più importanti. Vari studi, in particolare sugli oli essenziali di timo, santoreggia, zenzero e altri, confermano queste affermazioni (alcune tesi si trovano spiegate in questo documento).

Cosa dice la legge?

A seconda di come vengono utilizzati, gli oli essenziali possono essere soggetti a normative diverse: alcuni devono soddisfare gli standard cosmetici, altri devono rispettare le normative sui biocidi (come gli spray disinfettanti) e altri, infine, le regole imposte sui medicinali a base di erbe. “Un olio essenziale è considerato una medicina se viene presentato come avente proprietà per curare o prevenire malattie umane o quando ha un’azione farmacologica, immunologica o metabolica”, spiega l’Ansm. Gli oli essenziali di chiodi di garofano, lavanda, menta piperita, niaouli, rosmarino, timo e molti altri, poi, sono elencati nelle liste degli ingredienti di diversi farmaci attualmente in vendita.

Un olio per ogni disturbo

Come fare per scegliere quelli che davvero funzionano? L’officinale di lavanda, ad esempio, ha diverse virtù. Spiega Jacques Fleurentin,  un farmacista intervistato sempre France.info, aiuta a calmare il nervoso e l’insonnia e può essere applicato anche a ustioni o ferite. Infine spaventa gli insetti, come i pidocchi. Poi c’è l’eucalipto efficace per i disturbi del naso, della gola, delle orecchie e della zona della testa e del collo. Con l’olio essenziale di ravintsara, invece, si può pulire casa e prevenire il contagio mentre l’alloro è perfetto per le  infezioni intestinali o dolori articolari e tendiniti. Su quelli da prendere con cautela, invece, il farmacista ne cita due prima di ogni altro: timo e cedro. Vanno assolutamente assunti con cautela e mai prima di aver consultato uno specialista.

Chi deve farne a meno

Secondo la direzione francese della concorrenza e dei consumatori, i bambini non dovrebbero mai essere curati con gli oli essenziali. La direzione non indica una fascia d’età ma in generali si parla di bambini più piccoli di 7 anni. Anche le donne incinta e in allattamento dovrebbero starne alla larga così come chi ha malattie croniche. “Attenzione per le persone con epilessia e asma, per esempio”. “Per le persone con una tendenza allergica, eseguire sempre un test di allergia prima di utilizzare un olio essenziale” , continua la Direzione.

Come usare gli oli essenziali

La regola numero uno, suggeriscono gli esperti, è non assumere mai le gocce senza averle prima diluite. La seconda possibilità è assumerle per inalazioni: versiamo una goccia o due su un fazzoletto e inspiriamo profondamente per un minuto. Per ulteriore trattamento, possiamo anche mettere qualche goccia in una ciotola di acqua calda e respirare venti minuti.Infine, gli oli essenziali si possono diffondere nell’aria. In ogni caso, l’Ansm insiste: “Gli oli essenziali non dovrebbero essere usati per periodi prolungati (oltre qualche giorno) senza consiglio medico”.