Risparmio: qual è il salvadanio più sicuro per il loro futuro?

Ogni genitore sente la responsabilità di garantire un futuro ai propri figli. Se un tempo il primo pensiero era quello di aiutarli nell’acquisto della casa, oggi la priorità è assicurargli la possibilità di frequentare le migliori università, magari lontano da casa, un prestigioso master post universitario, delle esperienze all’estero, fino al sostegno per iniziare un’attività in proprio. Insomma, l’impegno economico che si richiede oggi ad ogni famiglia è enorme.

Se si ha dunque la fortuna di avere un reddito tale da permettere qualche forma di risparmio, è buona norma accantonare o, se si può, investire qualche euro per rendere un po’ meno incerto il futuro dei figli. D’altro canto le forme di investimento possibili sono tante e varie, adatte alle diverse capacità di risparmio dei consumatori: dagli strumenti più semplici e sicuri, come i buoni fruttiferi postali, i libretti di risparmio e i conti deposito, a quelli più complessi come i Pac (Piani di accumulo del capitale), le polizze ad hoc, i fondi pensione e i Pir (Piani individuali di risparmio). Ne parliamo con un lungo dossier nel numero in edicola e di cui qui anticipiamo alcuni consigli.

Acquista qui il nuovo numero con lo speciale sulle forme di investimento per il futuro dei nostri piccoli

L’importante è scegliere in maniera consapevole, guidati – se non si hanno adeguate conoscenze – da un consulente di fiducia che sappia spiegare con chiarezza pro e contro dell’investimento che ci si avvia a fare. Tenendo in debito conto in particolare i rendimenti che si desidera ottenere, il grado di rischio che si è disposti ad accettare, i costi di gestione (alcuni variabili, altri fissi come l’imposta di bollo e la ritenuta fiscale al momento della liquidazione del capitale maggiorato dagli interessi), la possibilità di accedere a sgravi fiscali e le eventuali penali in caso di disinvestimento prima della scadenza. E senza dimenticare che il prodotto “perfetto” non esiste, tutti hanno vantaggi e svantaggi. Sta a ognuno individuare quello migliore per le sue tasche, le sue aspettative e le sue esigenze.

Vantaggi e svantaggi a confronto

Ecco allora quali sono i principali punti di forza e quali quelli di debolezza delle diverse forme di “salvadanaio” per il loro futuro:

Buoni fruttiferi postali

Pro
Capitale garantito
Costi bassi
Finalità educativa
Contro
Bassi rendimenti

Libretti postali di risparmio

Pro
Capitale garantito
Costi bassi
Finalità educativa
Contro
Bassi rendimenti

Fondi pensione

Pro
Costi bassi
Deduzione fiscale dei premi versati
Tassazione agevolata
Esenzione dall’imposta di bollo
Non rilevano ai fini Isee
Contro
Rendimenti incerti, dipendono
dal rischio assunto

Polizze assicurative

Pro
Finalità assicurativa
Eventuale bonus premiale scolastico
Premi residui a carico dell’assicurazione in caso
di morte o invalidità permanente del sottoscrittore
Contro
Rendimenti incerti, dipendono dal rischio assunto
Costi alti

Piani di accumulo

Pro
Investimento anche con piccole somme
Riduzione del rischio di volatilità del mercato

Contro
Rendimenti incerti, dipendono dal rischio assunto
Costi alti