Nuovi sospetti sul glifosato: altera la fertilità femminile

L’esposizione, durante la gravidanza, a dosi rilevanti di un erbicida a base di glifosato riduce la fertilità femminile nei ratti e può ritardare la crescita fetale e malformazioni, compresi gli arti anormalmente sviluppati, nella loro progenie di seconda generazione. E’ quanto contenuto in uno studio dell’Università Argentina: i ricercatori hanno aggiunto il glifosato ai pasti di ratti femmine dal 9° giorno dopo il concepimento fino a quando i loro cuccioli sono stati svezzati. La prima e la seconda generazione di prole sono state seguite e monitorate per gli effetti sulla riproduzione.

La dose inferiore di glifosato testata, 2 mg / kg di peso corporeo / giorno (2 mg per kg di peso corporeo al giorno), era nell’ordine di grandezza della dose di riferimento (RfD) di 1 mg / kg di peso corporeo / giorno recentemente impostata per il glifosato dall’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti, basata sugli studi di tossicità sullo sviluppo del settore. La “dose di riferimento” è la dose che si suppone sia sicura da ingerire quotidianamente per tutta la vita. La dose più alta di glifosato, 200 mg di glifosato / kg di peso corporeo / giorno, è stata selezionata sulla base del livello di effetti avversi non osservati (NOAEL) dichiarato di industria di 1000 mg / kg di peso corporeo / giorno per tossicità materna stabilita nei ratti. In altre parole, secondo gli stessi test del settore, questa dose non avrebbe dovuto essere tossica per le madri e quindi non avrebbe dovuto danneggiare i feti. Ma si sono verificati effetti dannosi.

Il trattamento con erbicidi a base di glifosato non ha prodotto segni di tossicità per l’embrione o comportamento anormali della madre o dell’allattamento. Inoltre, non ha alterato l’aumento di peso corporeo della prole femminile di prima generazione, né l’inizio di apertura vaginale (un indicatore di pubertà).

Tuttavia, sebbene tutti i ratti femmine di prima generazione esposti agli erbicidi con glifosato siano rimasti incinti, hanno avuto un numero inferiore di siti di impianto di uova fecondate, rispetto ai controlli. La progenie di seconda generazione di entrambi i gruppi esposti agli erbicidi con glifosato ha mostrato una crescita ritardata, evidenziata da un minor peso e lunghezza fetale e una maggiore incidenza di feti anormalmente piccoli.

Inoltre, con sorpresa degli autori, malformazioni (feti congiunti e arti anormalmente sviluppati) sono state rilevate nella seconda generazione di discendenti dalla più alta dose di gruppo di erbicidi glifosati. Anomalie fetali sono state riscontrate in 3 su 117 feti, ciascuno di madri diverse nella prima generazione di figli (cioè 3 su 13 cucciolate sono state colpite). Una correlazione statisticamente significativa è stata trovata tra l’esposizione agli erbicidi del glifosato e le malformazioni fetali.