Antibioticoresistenza, allarme per un super batterio alle Canarie

Il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) lancia l’allarme per la diffusione di un superbatterio – resistente ai normali antibiotici – alle isole Canarie che rischia di diffondersi rapidamente in Europa. Sono già 13 i turisti, svedesi e norvegesi, colpiti tra gennaio e aprile. Il batterio in questione è il Klebsiella pneumoniae St392, di solito si contrae proprio nelle strutture sanitarie. Dalle analisi – evidenzia il report dell’Ecdc – è emerso che il batterio è stato contratto all’interno della struttura sanitaria dell’isola.

“Se i soggetti portatori del batterio sono ricoverati in un ospedale nel loro paese di origine – avvertono gli esperti – c’è un alto rischio di ulteriori trasmissioni e focolai in altri paesi Ue. Soprattutto se non vengono messe in atto adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni”.

Klebsiella pneumoniae St392 è un batterio multiresistente che si contrae “tipicamente in ambito ospedaliero“, per questo il report degli esperti Ecdc suggerisce agli ospedali dei paesi Ue “di prendere in considerazione, al momento del ricovero di un paziente, la cronologia dettagliata di tutti i viaggi fatti nell’ultimo periodo e se c’è stato un ricovero ospedaliero in una struttura a rischio”.