Usa, glifosato e cancro: martedì al via il primo processo contro Monsanto

Martedì prossimo in un tribunale della California si aprirà il primo processo contro Monsanto promosso da un quarantaseienne californiano che si è ammalato di cancro dopo che per diversi anni ha utilizzato l’erbicida RoundUp a base di glifosato. Il processo potrebbe aprire la strada agli altri 4mila che accusano la multinazionale americana di non aver informato sui rischi dell’utilizzo dell’erbicida che nel 2015 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato come “cancerogeno per l’uomo”.

Nell’agosto 2014, a Dewayne Johnson è stato diagnosticato un linfoma non Hodgkin e quattro anni dopo il suo tumore ha invaso l’80% del suo corpo. La legge della California prevede che i procedimenti giudiziari siano accelerati in caso di degrado dello stato di salute del querelante.

In una dichiarazione, la società, che è stata acquistata di recente dalla Bayer farmaceutica tedesca, si è difeso evocando le conclusioni dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (Epa): “Questa rigorosa valutazione dei dati presi per L’EPA si basa sulle solide conclusioni delle autorità di regolamentazione europee e canadesi e ancora una volta chiarisce che il glifosato non causa il cancro “.