Le Hawaii sono il primo Stato Usa a proibire il chlorpyrifos

Le Hawaii sono diventate il primo Stato negli Stati Uniti a vietare un pesticida ritenuto potenzialmente pericoloso per le donne incinte e i bambini. E il pesticida protagonista della svolta è il chlorpyriphos, una sostanza accusata in tutto il mondo per i suoi effetti.
Il governatore hawaiano David Ige ha firmato mercoledì una legge sui pesticidi che prevede il divieto di tutte le sostanze chimiche contenenti l’insetticida chlorpyrifos a partire dal 2019. Il disegno di legge proibisce anche l’irrorazione di pesticidi entro 30 metri dalle scuole mentre sono aperte. È prevista un’estensione triennale che consentirà alle società che richiedono un’autorizzazione di utilizzare il chlorpyrifos, sostanza commercializzata negli anni 60 er ancora ampiamente usata negli Stati Uniti.

L’Environmental Protection Agency ha avuto un dibattito decennale sul pesticida, limitando il suo uso nel corso degli anni ma mai vietandolo del tutto anche se nel 2017 ha pubblicato uno studio di cinque anni che ha innalzato la soglia di sicurezza per l’esposizione e ha rilevato che in alcuni casi i bambini erano già esposti dosi maggiori.

California, Maryland e New Jersey hanno preso in considerazione i divieti in tutto il mondo.
Per decenni, scrive Michelle Broder Van Dyke, corrispondente dall’isola per BuzzFeed, i residenti alle Hawaii hanno protestato contro compagnie chimiche come Monsanto e Syngenta, che conducono esperimenti su piante geneticamente modificate nello Stato perché traggono beneficio dal clima che prevede una crescita continua tutto l’anno.

Il più grande utilizzatore di chlorpyrifos è l’industria del mais, secondo l’Environmental Protection Agency, ma è anche spruzzato su tutto: broccoli, soia, pesche, fragole, mele, agrumi, noci, cavolini di Bruxelles, cavolfiori e mirtilli rossi.

Uno studio su 40 bambini pubblicati sulla rivista PNAS nel 2012 ha scoperto che l’esposizione prenatale al pesticida era associata a cambiamenti strutturali cerebrali nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni.
Uno studio precedente dello stesso gruppo di ricercatori del Centro per la salute ambientale infantile della Columbia University di New York ha esaminato 265 bambini e ha rilevato che l’esposizione prenatale era legata a deficit del QI e problemi di memoria di lavoro all’età di 7 anni.

La lenta morte dei latini californiani, vittime del pesticida chlorpyrifos